Ricerca

I ricercatori segnalano la connessione tra i batteri intestinali e lo sviluppo del diabete tipo 1

I ricercatori dell’Università di Örebro hanno, insieme a un noto gruppo di ricerca in Danimarca, sviluppato un metodo per studiare come il metabolismo dei batteri intestinali influenza la salute. Il loro metodo è ora pubblicato nella sua interezza nella rivista scientifica Nature Protocols

Il metodo, che i ricercatori Tuulia Hyötyläinen e Matej Oreši? hanno lavorato e sviluppato per più di dieci anni, è utilizzato per gli studi di metabolomica, in cui le informazioni su migliaia di molecole coinvolte nel metabolismo delle cellule vengono recuperate mediante analisi chimiche. Utilizzando questo metodo, i ricercatori sono stati in grado, tra le altre cose, di studiare la connessione tra il metabolismo dei batteri intestinali e lo sviluppo del diabete, uno studio pubblicato su Nature 2016.

“Ma il metodo può essere utilizzato da tutti i ricercatori che desiderano applicare la metabolomica nei loro studi”, afferma Matej Oreši?, ricercatore in medicina presso l’Università di Örebro.

Metodi scientifici importanti quanto i risultati

Applicando questo metodo usato dai ricercatori di Örebro, è possibile analizzare circa 2.000 metaboliti da un campione di sangue. I metaboliti sono molecole microscopiche, ad esempio aminoacidi, lipidi e molecole di zucchero, formate a seguito del metabolismo.

“La raccolta dei dati è una parte importante dell’analisi ma non richiede sempre il tempo necessario per l’analisi dei dati effettivi: è quindi necessario collegare questa grande quantità di dati raccolti a domande di natura biologica e medica”, afferma Tuulia Hyötyläinen, Professore di chimica all’Università di Örebro.

Nell’articolo pubblicato, il protocollo del metodo di lavoro è descritto in dettaglio. Come spesso accade, la sezione del metodo di un articolo scientifico è difficile da riprodurre per altri ricercatori, specialmente in studi complessi con ampie quantità di dati.

“I metodi scientifici sono importanti quanto i risultati della ricerca: è importante utilizzare metodi affidabili per produrre dati di alta qualità”, spiega Matej Oreši?.

Prevenire l’intolleranza al glutine

La coppia di ricercatori sta ora lavorando per identificare come il metabolismo nei bambini piccoli possa influenzare lo sviluppo dell’intolleranza al glutine più avanti nella vita.

“Abbiamo visto cambiamenti nel metabolismo dei lipidi nei bambini prima che siano stati esposti al glutine attraverso la loro dieta. Questa scoperta può forse portare a una migliore comprensione dello sviluppo dell’intolleranza al glutine e forse aiutarci a prevenire la malattia”, aggiunge Matej Oreši?.

Stanno anche studiando la relazione tra l’esposizione a vari inquinanti ambientali nelle prime fasi della vita e lo sviluppo del diabete di tipo 1.

“Stiamo cercando di trovare biomarcatori che possano essere utilizzati nella diagnosi di varie malattie e in una fase precedente di quanto sia attualmente possibile, ma è anche interessante studiare quali metaboliti sono prodotti dai batteri intestinali e come questi influenzano il nostro metabolismo ” dice Tuulia Hyötyläinen.

“Stiamo lavorando costantemente al miglioramento dell’intera catena di analisi, dal prelievo dei campioni all’analisi dei dati e ora anche altri ricercatori possono utilizzare il nostro metodo”, aggiunge Matej Oreši?.

Categorie:Ricerca

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.