Sport e movimento

L’esercizio è una medicina e i medici stanno iniziando a prescriverlo

L’esercizio fisico è una medicina efficace per molti pazienti con malattie cardiache, demenza, depressione, ictus e cancro

C’è un movimento a piedi (gioco di parole) per attirare più persone coinvolgendo i loro medici di famiglia.

Nel Regno Unito, il governo ha recentemente rilasciato Moving Medicine, una risorsa online per aiutare i medici a parlare ai loro pazienti dell’importanza dell’esercizio fisico in relazione a condizioni diverse come il cancro e la demenza. Questa è una iniziativa gradita dato che l’inattività fisica è la quarta principale causa di morte nel mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I benefici dell’esercizio sono stati dimostrati più e più volte: l’esercizio fisico riduce il rischio di depressionediabete di tipo 2malattie cardiacheictus e molti tumori e previene la morte precoce.

Se fosse una pillola, l’esercizio sarebbe un creatore di denaro da un trilione di dollari, prescritto a tutti.

Esercizio come terapia è menzionato in quasi tutte le linee guida di prevenzione e trattamento, che sono scritte dai medici stessi. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti non sente mai il loro medico parlarne. E meno di uno su quattro dei cittadini canadesi soddisfa le attuali linee guida per l’attività fisica, i quali raccomandano che le persone partecipino ad attività moderate (come camminare a passo sostenuto) e vigorose (come fare jogging, nuoto o corsa) per almeno 150 minuti alla settimana.

Parte della ragione è che la maggior parte dei medici in pratica oggi ha ricevuto poca o nessuna formazione sul ruolo dell’esercizio nella gestione della malattia. Anni fa un mio collega di lavoro, medico, tenne una conferenza di 30 minuti sull’argomento presso una scuola di medicina canadese e questo è stato il momento in cui tutti gli studenti hanno superato il loro programma di quattro anni.

Questo sta per cambiare.

Prescrizioni di palestra gratuite

Negli ultimi anni, le scuole di medicina canadesi, come la Cumming School of Medicine dell’Università di Calgary, hanno rivisto i curricula per incorporare aspetti dell’esercizio nella prevenzione e nella cura delle malattie.

Questa è una parte delle iniziative in crescita come Esercizio è Medicina che sostengono il ruolo dell’esercizio e incoraggiano i medici a prescriverlo.

Allo stesso modo, il programma Prescription to Get Active in Alberta consente ai medici di prescrivere l’iscrizione gratuita in palestra per 30 giorni ai pazienti.

Un programma di base chiamato Walk with a Doc ha medici locali che camminano con i loro pazienti. Il programma è stato avviato dal Dr. David Sabgir, un cardiologo di Columbus, Ohio, che era frustrato dalla sua incapacità di influenzare il cambiamento del comportamento nel setting clinico e ha invitato i suoi pazienti a fare una passeggiata con lui in un parco locale un sabato mattina. Più di 100 persone si sono presentate e ora ci sono 400 capitoli in tutto il mondo.

Ci sono anche state richieste di esercizio per vanno considerate come un segno vitale, proprio come la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Il fornitore di assicurazione sanitaria Kaiser Permanente richiede ai medici degli Stati Uniti di registrare l’attività fisica di un paziente .

È più probabile che i pazienti che ricevono prescrizioni di esercizio fisico e consulenza dai loro medici siano più attivi, quindi tali iniziative sono un buon inizio.

Bisogna fare di più, tuttavia, quando solo un terzo dei medici parla ai propri pazienti di esercizio fisico .

Un sistema di assistenza sanitaria reazionario

Non sorprende che i medici che si esercitano abbiano maggiori probabilità di consigliarlo ai loro pazienti l’attività fisica. Pertanto, rivolgersi ai medici per essere più attivi può fornire un sostanziale effetto sulla popolazione.

Allo stesso tempo, i medici dicono che hanno bisogno di una formazione migliore rispetto ai benefici dell’esercizio e di come consigliarlo ai pazienti.

La necessità di questo cambiamento nell’approccio alla salute e alle malattie deriva da due realizzazioni chiave. Uno è che ci sono un numero crescente di persone con malattie croniche prevenibili e il nostro sistema sanitario non è adeguatamente preparato per trattare tutti questi pazienti.

Il nostro sistema è reazionario; è progettato per aspettare che qualcuno abbia una malattia invece di prevenirla. Ma le malattie croniche non sono come malattie antiche. Non possono essere curate, anche se molte possono essere prevenute. L’esercizio è sempre più riconosciuto come importante per questo cambiamento.

Esercizio per la cura del cancro

In secondo luogo, abbiamo una maggiore conoscenza dei benefici dell’esercizio nella cura della malattia oltre a prevenirla. L’esercizio è usato per la riabilitazione cardiaca, dopo un infarto.

Esercizio funziona così come i farmaci che abbassano il colesterolo e la pressione sanguigna nel prevenire la morte precoce. E i diabetici che si esercitano richiedono meno farmaci per gestire la loro glicemia.

Anche nela terapia per il cancro, l’esercizio fisico può ridurre gli effetti collaterali del trattamento, come ansia, depressione e affaticamento. Ciò ha spinto la Clinical Oncology Society of Australia a rilasciare una dichiarazione di posizione che raccomanda l’esercizio come parte della regolare cura del cancro. Si ritiene che sia il primo del suo genere al mondo, ma si spera non l’ultimo.

I medici trarrebbero beneficio da ulteriori incentivi come codici di fatturazione specifici che consentono di prescrivere l’esercizio fisico e sessioni di educazione medica più continuative su come farlo.

Educare i medici attuali e futuri all’attività fisica è cosa buona, se non migliore, di molti farmaci considerati essenziali per prevenire il crescente onere delle malattie croniche.

Quindi?

Quindi se siete a Bologna Domenica 18 Novembre, DIABO l’associazione di diabetici locale, con i medici della UO di Endocrinologia dell’Ausl di Bologna e la collaborazione del Rotary Club G. Masina di San Giorgio di Piano ed Utopic, si svolgerà una camminata dal titolo : San Felice e dintorni, 10.000 passi fra storia e movimento guidati da un “cicerone” di lusso , il prof.Marco Poli, famoso storico della Città di Bologna.