Compliance

Lo stress può aumentare il rischio di diabete di tipo 2 nelle donne

anti-stress-balls-3660833_1280I fattori di rischio tradizionali come l’obesità, l’ipertensione e uno stile di vita sedentario potrebbero non essere gli unici fattori predittivi del diabete di tipo 2. Una nuova ricerca indica il ruolo che lo stress può avere nello sviluppo della condizione nelle donne.

Lo studio, sarà presentato il 10 novembre alla Scientific Sessions Conference of American Heart Association a Chicago, ha rilevato che il crescente stress da eventi traumatici, così come le situazioni a lungo termine a casa o al lavoro, era associato a un rischio quasi doppio di nuovi casi di diabete di tipo 2 tra le donne anziane.
“Gli stress psicosociali come fattori di rischio per il diabete devono essere presi seriamente come altri fattori di rischio legati al diabete”, ha detto Jonathan Butler, ricercatore capo dello studio e  presso l’Università della California, il Centro di San Francisco per lo studio delle avversità e delle malattie cardiovascolari .
Il diabete è un importante problema di salute pubblica, che colpisce circa 30,3 milioni di americani a partire dal 2015, secondo gli ultimi dati dei Centers for Disease Control and Prevention. Tra quelle persone, 12 milioni hanno 65 anni e più.
“Poiché le donne anziane rappresentano sempre più una percentuale maggiore della nostra popolazione, abbiamo bisogno di capire meglio i fattori di rischio per il diabete in questo gruppo”, ha detto Butler.
Il diabete è una malattia cronica in cui il corpo non può regolare correttamente la glicemia. Troppa glucosio nel sangue può portare a una serie di problemi di salute, tra cui malattie cardiache, ictus e malattie renali. Mentre la storia e l’età della famiglia possono svolgere un ruolo, fattori come il colesterolo alto , l’ipertensione , l’obesità e l’inattività fisica rendono le persone più sensibili al diabete di tipo 2.
Tuttavia, i ricercatori stanno iniziando a guardare oltre i soli fattori di rischio fisiologici.
“Abbiamo cercato di capire la relazione tra stress, salute mentale e rischio di diabete da un po’”, ha detto il dott. Sherita Hill Golden, professore di medicina alla Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora. Prove emergenti suggeriscono che lo stress psicosociale e il modo in cui le persone lo affrontano possono avere un impatto sulla salute cardiometabolica.
Precedenti studi sullo stress e sul diabete si sono concentrati su singoli fattori di stress, come il lavoro o i sintomi di depressione o ansia. Altri hanno solo guardato le istantanee nel tempo. Quindi, Butler e i suoi colleghi hanno iniziato a capire la relazione congiunta tra più fattori di stress e rischio di diabete tra le donne nel tempo.
I ricercatori hanno incluso dati su 22.706 operatori sanitari femminili che partecipavano allo studio sulla salute delle donne e che non avevano cardiopatie la cui età media era > 72 anni. Hanno raccolto informazioni sugli stress acuti e cronici e poi hanno seguito le donne per una media di tre anni. Lo stress acuto includeva eventi di vita negativi e traumatici, mentre lo stress cronico era legato al lavoro, alla famiglia, alle relazioni, alle finanze, al vicinato e alla discriminazione.
Le donne con i più alti livelli di stress acuto e cronico avevano quasi il doppio del rischio di diabete.
I prossimi passi saranno per confermare i risultati e identificare strategie mirate a fattori di stress psicosociale che potrebbero ridurre il rischio di diabete nelle donne anziane, ha detto la dottoressa Michelle A. Albert, autore senior dello studio e professore di medicina all’Università della California, San Francisco .
“Dal punto di vista della salute pubblica, gli operatori sanitari dovrebbero informarsi sugli stress psicosociali come parte della loro valutazione del rischio di diabete”, ha detto.
Per ora, Golden ha detto che la nuova ricerca sottolinea l’importanza di considerare il ruolo dei fattori di rischio non tradizionali come lo stress nello sviluppo del diabete.
“Sappiamo che l’intervento sullo stile di vita funziona per la prevenzione del diabete , ma può essere difficile se le persone sperimentano stressanti cumulativi, come perdere un lavoro o prendersi cura di un membro della famiglia, che impedisce loro di comportarsi in modo sano come esercitarsi, mangiare bene o smettere di fumare, ” e afferma
:”È importante valutare e comprendere la storia sociale di un paziente che potrebbe aver bisogno di un riferimento a un consulente o assistente sociale”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.