Prodotti

Il caregiver elettronico entra nelle sperimentazioni cliniche con G60Trauma.org

La dottoressa Alicia Mangram (al centro) e il personale del G60 Trauma visitano la torre del caregiver elettronico nel centro di Las Cruces, nel New Mexico.

PHOENIX , 7 dicembre 2018 Il caregiving virtuale è impostato per entrare sia nel settore sanitario che nelle impostazioni della casa del paziente. Nel gennaio 2019 , G60 Trauma (G60Trauma.org) inizierà a testare Addison Care, il primo sistema globale di caregiving virtuale al mondo per fornire monitoraggio e assistenza in tempo reale 24/7.

Addison Care fornisce nuovi interessanti componenti a una piattaforma vocale interattiva per dimostrare una funzionalità di realtà aumentata interattiva legata al rilevamento visivo e ai dispositivi domestici collegati. Ora, non solo puoi avere una conversazione bidirezionale con un caregiver elettronico, ma la tecnologia prende vita con un personaggio di realtà aumentata dal design esperto chiamato Addison, sviluppato su Sumeriano AWS. Addison fornisce un’interfaccia utente rivoluzionaria.

Cosa può fare Addison? In un contesto clinico, Addison può salutare un paziente, riconosciuto attraverso il riconoscimento facciale, condurre un esame di salute verbale, raccogliere elementi vitali e persino dirigere una sessione completa di andatura ed equilibrio per determinare la probabilità di una caduta al suolo in un particolare paziente. Nell’ambiente residenziale, Addison fornisce promemoria dei farmaci, verifica il consumo dei farmaci, fornisce promemoria dei test medici, monitora i segni vitali, dimostra esercizi di riabilitazione, valuta i progressi del paziente, l’umore, il rischio di caduta e le risposte a condizioni crescenti ed emergenze tra cui contattare i soccorritori o gli operatori sanitari in tempo di bisogno del paziente.

Come funziona Addison? Una rete di sensori visivi wireless, processori basati su intelligenza artificiale locale, tablet interattivi, dispositivi biometrici Bluetooth e dispositivi di monitoraggio di emergenza saranno installati in una residenza. Addison Care sarà commercializzata e supportata da una rete di fornitori nazionali di servizi di assistenza domiciliare che fungeranno sia da assistenti domiciliari che da rappresentanti di Addison Care . Il CEO di SDS, Anthony Dohrmann , ha dichiarato: “Il nostro obiettivo è quello di espandere l’assistenza sanitaria per la popolazione a prezzi accessibili alle masse, mentre alleggerisce l’onere per i fornitori e i pagatori. Stiamo consegnando una nuova eccitante forma di tecnologia ai pazienti e all’invecchiamento attivo per migliorare la qualità della loro vita e dei risultati di salute. “Addison farà il suo debutto al Consumer Electronics Show di Las Vegas dall’8 all’11 gennaio 2019 , Stand: Sands Convention Sale Centro AD: 42142.

Perché collaborare con G60 Trauma Organization? La dottoressa Alicia Mangram, fondatrice di G60 Trauma a Phoenix, in Arizona , è una chirurgo e acclamata specialista traumatologica che ha dedicato la sua carriera a migliorare la cura del trauma attraverso attività di advocacy, ricerca chirurgica e di terapia intensiva, istruzione e servizi comunitari. G60 Trauma è un programma di cura specializzato e progettato per pazienti traumatizzati di età superiore ai 60 anni, con l’obiettivo di ottimizzare la loro guarigione e gestirli in modo sicuro nelle loro case. Questa partnership ci consentirà di studiare centinaia di pazienti che hanno avuto una caduta e fornirci i dati e le informazioni di cui abbiamo bisogno per continuare a produrre prodotti e servizi orientati alla prevenzione e a risultati superiori.

Con un team di esperti, di professionisti dietro a centinaia di pubblicazioni e processi di ricerca di successo, il team G60 Trauma condurrà uno studio espansivo che coinvolge oltre 500 pazienti per documentare l’efficacia di Addison Care e Electronic Caregiver sul miglioramento dei risultati dei pazienti, aumentando la soddisfazione degli stessi e della famiglia, ridurre la riammissione ospedaliera e la mortalità. Inoltre, migliorare l’aderenza al trattamento con la speranza di convalidare un continuum di cura più efficace, basato sugli esiti, in grado di ridurre le pressioni e i costi a lungo termine associati all’assistenza a lungo termine e alla gestione delle malattie croniche.

“I costi di non aderenza al trattamento sono stati segnalati fino a 300 miliardi di dollari all’anno ed è considerato responsabile del 50% di tutti i fallimenti del trattamento, in un periodo di carenza di infermieri e medici, in cui l’assistenza a domicilio è inadeguata in frequenza a causa dei costi elevati, la nostra speranza è che Addison Care e Electronic Caregiver possano colmare il vuoto nella cura del paziente e portare risultati migliori alle masse “, ha dichiarato la dottoressa Alicia Mangram.

Categorie:Prodotti, Terapie

Con tag: