Batticuore

Al via Coordinate per il diabete tipo 2

Boehringer Ingelheim e Lilly collaborano con il Duke Clinical Research Institute per promuovere l’assistenza multidisciplinare per le persone con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari

RIDGEFIELD, Conn. E INDIANAPOLIS , 13 dicembre 2018- Il Duke Clinical Research Institute (DCRI) sta conducendo un nuovo studio clinico per ottimizzare l’assistenza alle persone con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari attraverso la valutazione di un approccio multidisciplinare a cliniche di cardiologia negli Stati Uniti Il programma di ricerca, COORDINATE-Diabetes (COOrdinating CaRDIology CliNics, trial di interventi mirati a migliorarne gli esiti), sarà finanziato da Boehringer Ingelheim e Eli Lilly and Company (NYSE: LLY).

“L’impatto sulla salute pubblica del diabete di tipo 2 e delle malattie cardiovascolari negli Stati Uniti è immenso”, ha affermato Christopher Granger , MD, professore di medicina presso la Divisione di Cardiologia della Duke University e ricercatore capo per COORDINATE-Diabetes. “Sebbene siano stati sviluppati trattamenti altamente efficaci basati sull’evidenza, questi trattamenti non vengono utilizzati in modo coerente e pertanto si verificano morte e disabilità prevenibili. Il nostro obiettivo con COORDINATE-Diabetes è comprendere meglio l’efficacia degli interventi specifici presso le cliniche di cardiologia per raggiungere le migliori pratiche per migliorare la salute del paziente. ”

Le persone con diabete hanno fino a quattro volte probabilità in più di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto a quelle senza diabete e le patologie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte e disabilità nonostante i trattamenti disponibili. Per contribuire a migliorare queste statistiche impressionanti, COORDINATE-Diabetes esaminerà l’impatto di interventi sfaccettati che coinvolgono le terapie basate su linee guida tra cardiologi, endocrinologi, fornitori di cure primarie e pazienti, comprese le raccomandazioni delineate negli Standard di cura medica rilasciati dall’American Diabetes Association (ADA) 2018 in Diabetes Care e l’American College of Cardiology (ACC) Decisione di consenso sul pathway su nuove terapie per la riduzione del rischio cardiovascolare negli adulti con diabete di tipo 2 e malattia cardiovascolare aterosclerotica.

Il trial includerà 46 cliniche di cardiologia negli Stati Uniti e si propone di arruolare 30 pazienti in ciascun sito. Le cliniche saranno randomizzate a un braccio di istruzione di base (in cui i pazienti saranno trattati da medici che ricevono solo informazioni di base sulla terapia fondata sulle linee guida) o un braccio di intervento intensivo (che si concentra sul coordinamento dell’assistenza tra cardiologi ed endocrinologi per sviluppare e implementare un percorso di cura integrato e multidisciplinare). I team di assistenza nei siti di intervento saranno incoraggiati a comunicare con i medici di assistenza primaria dei pazienti per facilitare un approccio multidisciplinare e completo alla cura del paziente. Lo studio misurerà l’impatto dell’intervento sull’uso da parte dei siti di terapie consigliate dalla linea guida dopo 12 mesi.

“Siamo lieti di sostenere la ricerca basata sulle prove per capire come gestire al meglio i rischi e ottimizzare l’assistenza ai pazienti con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari in un contesto clinico reale”, ha dichiarato Thomas Seck, MD, vicepresidente senior, Medicina e Regulatory Affairs, Boehringer Ingelheim Pharmaceuticals, Inc. “Sebbene ci siano trattamenti con comprovati benefici cardiovascolari raccomandati dall’ADA e da altre organizzazioni, molti operatori sanitari non li prescrivono a tutti i loro pazienti che potrebbero trarne beneficio. Siamo ansiosi di saperne di più su come gli operatori sanitari possono collaborare per migliorare l’aderenza a queste linee guida di trattamento nel tentativo di ridurre il rischio cardiovascolare dei pazienti “.

La sperimentazione sfrutterà anche il potere dei dati delle cartelle cliniche elettroniche di un consorzio di sistemi sanitari negli Stati Uniti che hanno curato i loro dati per sostenere la ricerca e migliorare i risultati. I ricercatori inizieranno a iscrivere cliniche e pazienti per lo studio nel 2019 con l’obiettivo di condividere i risultati principali entro il 2021.

“Pochi studi rigorosi hanno testato l’efficacia di un approccio multidisciplinare per migliorare le cure tra questa popolazione di pazienti vulnerabili”, ha osservato Sherry Martin , MD, vicepresidente, Affari medici, Lilly. “Date le gravi complicanze cardiovascolari associate al diabete di tipo 2, è importante che cardiologi ed endocrinologi collaborino per migliorare l’assistenza alle persone con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari”.

Informazioni sul diabete e le malattie cardiovascolari
Circa 30 milioni di americani e circa 425 milioni di persone in tutto il mondo hanno il diabete e circa il 24% degli americani con diabete – o più di 7 milioni di persone – non sono diagnosticati. Negli Stati Uniti, circa il 12% delle persone di età pari o superiore a 18 anni ha il diabete. Il diabete di tipo 2 è il tipo più comune e rappresenta circa il 90-95% di tutti i casi di diabete adulti diagnosticati negli Stati Uniti. Il diabete è una condizione cronica che si verifica quando il corpo non produce correttamente o utilizza l’insulina ormonale.

A causa delle complicazioni associate al diabete, come glicemia alta, ipertensione e obesità, le malattie cardiovascolari rappresentano una delle principali complicanze e la principale causa di morte associata al diabete. Le persone con diabete hanno una probabilità quattro volte maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari rispetto alle persone senza diabete. Circa il 50% dei decessi nelle persone con diabete di tipo 2 in tutto il mondo e circa due terzi dei decessi nelle persone con diabete di tipo 2 negli Stati Uniti sono causati da malattie cardiovascolari. Negli Stati Uniti, i costi sanitari per la gestione delle condizioni cardiovascolari nei pazienti con diabete hanno totalizzato oltre $ 23 miliardi nel 2012.

Avere una storia di diabete a 60 anni può abbreviare la vita di una persona di ben sei anni rispetto a qualcuno senza diabete. E avere entrambi il diabete e una storia di infarto o ictus a 60 anni può abbreviare la vita di una persona di ben 12 anni rispetto a qualcuno senza queste condizioni.