Batticuore

Maggior rischio di infarto alla vigilia di Natale

Daria-Yakovleva / Pixabay

Il rischio di infarto raggiunge il picco intorno alle 22:00 della vigilia di Natale, in particolare per le persone più anziane e malate, molto probabilmente a causa di un maggiore stress emotivo, trova uno studio svedese nel numero di Natale di questa settimana di The BMJ.

Il rischio era maggiore anche durante le festività di fine anno e di mezza estate e il lunedì mattina, ma non durante le vacanze di Pasqua o in occasione di eventi sportivi importanti.

Pubblicità e progresso

Studi precedenti hanno mostrato un picco di attacchi cardiaci in tutto il mondo occidentale durante le feste di Natale e Capodanno e durante le festività islamiche nei paesi in cui predomina tale religione.

Altri eventi a breve termine legati allo stress emotivo, come grandi eventi sportivi, uragani e crolli del mercato azionario, sono stati anche associati a un più alto rischio di infarto. Ma c’è una mancanza di dati sulla tempistica esatta e la gravità dei sintomi in un contesto nazionale.

Così i ricercatori svedesi hanno deciso di indagare se i fattori temporali, come le festività nazionali, i grandi eventi sportivi, l’ora del giorno o il giorno della settimana potrebbero scatenare un attacco di cuore.

Hanno analizzato il momento esatto di 283.014 attacchi di cuore riportati al registro svedese delle coronarie (SWEDEHEART) per un periodo di 16 anni dal 1998 al 2013.

Le due settimane prima e dopo una vacanza – e lo stesso periodo dell’anno prima e dopo un evento sportivo – sono state impostate come periodi di controllo.

I ricercatori hanno scoperto che le festività natalizie e di mezza estate erano associate a un più alto rischio di infarto (rispettivamente del 15% e del 12%) rispetto al periodo di controllo.

Le prime ore del mattino (8:00) e il lunedì erano anche associati a un rischio più elevato.

Ma la giornata di gran lunga più rischiosa è stata la vigilia di Natale, con un aumento del 37% del rischio di infarto, con un picco intorno alle 22:00. Per la Svezia, la vigilia di Natale è il giorno principale delle celebrazioni e quindi il momento in cui le emozioni accese raggiungeranno probabilmente il loro picco, suggeriscono i ricercatori.

Il rischio era maggiore negli over 75, e quelli con diabete e malattie cardiache esistenti, evidenziando la necessità per la società di sensibilizzare questo gruppo vulnerabile durante il periodo natalizio, aggiungono.

Tuttavia, la notte di capodanno, che di solito è considerata il giorno principale delle celebrazioni per i nuovi anni, non ha avuto rischi associati. Gli autori hanno scoperto che il rischio maggiore era invece il giorno di Capodanno, che secondo loro era “probabilmente spiegato da una negligenza e da un mascheramento dei sintomi dovuti all’alcool”.

A differenza degli studi precedenti, nessun aumento del rischio è stato osservato durante gli eventi sportivi o durante il periodo pasquale.

Gli autori ritengono che questo sia il più grande studio condotto utilizzando i dati da attacco cardiaco su di un registro ben noto, ma sottolineano che si tratta di uno studio osservazionale, quindi non si possono trarre conclusioni definitive su causa ed effetto, e non possono escludere la possibilità che parte del rischio potrebbe essere dovuto ad altri fattori non misurati.

Tuttavia, gli autori discutono che in precedenza esperienze di rabbia, ansia, tristezza, dolore e stress aumentavano il rischio di infarto, così come l’attività fisica e i cambiamenti dello stile di vita.

Le persone hanno maggiori probabilità di sperimentare queste intense emozioni durante i periodi festivi nazionali, e quelle anziane e con una storia di diabete e malattia coronarica sono risultate più vulnerabili a questi trigger a breve termine, concludono.

Categorie:Batticuore

Con tag:,