Complicanze varie/eventuali

il diabete di tipo 2 è associato a un declino della funzione cerebrale nell’arco di cinque anni, nelle persone anziane

Una nuova ricerca pubblicata su Diabetologia (la rivista dell’Associazione europea per lo studio del diabete [EASD]) mostra come nelle persone anziane, il diabete di tipo 2 (T2D) è associato a un declino della memoria verbale e della fluidità cognitiva nell’arco di 5 anni.

Tuttavia, contrariamente agli studi precedenti, la diminuzione del volume del cervello spesso riscontrata nelle persone anziane con T2D non è stata trovata direttamente associata al declino cognitivo durante questo periodo di tempo. Tuttavia, rispetto a persone senza T2D, quelli con T2D avevano prove di maggiore atrofia cerebrale all’inizio dello studio.

Pubblicità e progresso

Ricerche precedenti hanno dimostrato che il T2D può raddoppiare il rischio di demenza nelle persone anziane. In questo nuovo studio, il Dott. Michele Callisaya (Università della Tasmania, Hobart, TAS e Monash University, Melbourne, VIC, Australia) e colleghi hanno cercato di scoprire se il diabete di tipo 2 è associato a una maggiore atrofia cerebrale e declino cognitivo e se i due sono collegati. È il primo studio a confrontare il declino sia della cognizione sia dell’atrofia cerebrale tra le persone con e senza T2D nello stesso studio.

Lo studio aveva arruolato 705 persone di età compresa tra 55 e 90 anni nell’ambito della ricerca Cognition and Diabetes in Older Tasmanians (CDOT). C’erano 348 persone con T2D (età media 68 anni) e 357 senza (età media 72 anni) sottoposte a risonanza magnetica cerebrale (volume ventricolare laterale e volume cerebrale totale -misure dell’atrofia cerebrale) e misure neuropsicologiche (funzione globale e sette domini cognitivi) a tre punti temporali in un periodo medio di follow-up di 4,6 anni.

I risultati sono stati aggiustati per età, sesso, istruzione e fattori di rischio vascolare tra cui fumo in passato o presente, infarto, ictus, ipertensione, colesterolo alto e indice di massa corporea. Gli autori hanno riportato che vi erano associazioni significative trovate tra T2D e maggiore declino sia nella memoria verbale sia nella fluenza verbale.

Sebbene le persone con diabete presentassero una maggiore atrofia cerebrale all’inizio dello studio, non vi era alcuna differenza nel tasso di atrofia cerebrale tra quelli con e senza diabete nel tempo trascorso in questo studio. Non ci sono state prove nello studio che il tasso di atrofia cerebrale abbia avuto un impatto diretto sulla relazione diabete-cognizione.

Nelle persone senza diabete di tipo 2, la fluenza verbale è leggermente aumentata in media ogni anno (0,004 DS / unità all’anno), mentre è diminuita in quelli con diabete di tipo 2 (0,023 SD / unità all’anno). Gli autori dicono: “Un simile declino cognitivo accelerato può contribuire a difficoltà esecutive nelle attività quotidiane e nei comportamenti salutistici – come la compliance del farmaco – che a sua volta può influenzare negativamente la futura salute vascolare e il declino cognitivo, ed eventualmente un’insorgenza precoce di demenza in quelli con diabete tipo 2.”

Aggiungono: “Contrariamente alle nostre ipotesi e ai risultati di precedenti studi trasversali, il tasso di atrofia cerebrale in questi 5 anni di studio non ha direttamente mediato le associazioni tra diabete di tipo 2 e declino cognitivo. Un maggiore accumulo di malattie cerebrovascolari è più probabil riveli l’esistenza di una tale relazione. ”

Concludono: “Nelle persone anziane che vivono in comunità, il diabete di tipo 2 è associato a un calo della memoria verbale e della fluidità nell’arco di circa 5 anni, ma l’effetto del diabete sull’atrofia cerebrale può iniziare prima, ad esempio nella mezza età, date le prove di una maggiore atrofia cerebrale nelle persone con T2D all’inizio dello studio. Se questo è il caso, sia gli interventi farmacologici che quelli sullo stile di vita per prevenire l’atrofia cerebrale nelle persone con T2D potrebbero dover iniziare prima dell’età avanzata. “