Educazione

Il sesso ha età?

Gli esseri umani sono esseri sessuali. Questa spinta non si ferma quando l’orologio colpisce i 60. O anche 90.

I giovani adulti possono negare che i parenti più anziani stiano facendo sesso, ma l’attività sessuale è un forte indicatore di invecchiamento e vitalità sani . In realtà, l’attività sessuale è all’incirca uguale a salire due rampe di scale.

L’educazione sessuale e la ricerca utilizzano un modello medico di salute sessuale incentrato principalmente sulla gravidanza, sulle infezioni sessualmente trasmesse (IST) e sulle disfunzioni sessuali. Tuttavia, la sessualità è complessa. Oltre i genitali e le posizioni simili al Kama Sutra, considera l’identità sessuale e di genere; sensualità; risposta sessuale; intimità; e i modi positivi e negativi che usiamo nella nostra sessualità.

Pubblicità e progresso

La ricerca ha esplorato la sessualità tra gli anziani con un invecchiamento sano e anche l’ invecchiamento con problemi di salute. Si è scoperto che gli adulti più anziani i quali abitualmente parlano con gli operatori sanitari di questioni sessuali hanno più probabilità di essere sessualmente attivi, nonostante le disfunzioni sessuali o altri problemi di salute. Queste conversazioni diventano più importanti considerando alti tassi di HIV / AIDS e STI, anche tra gli adulti più anziani negli Stati Uniti

La sessualità è complessa

Con l’avanzare dell’età, la complessa interazione tra fattori biologici, psicologici, cognitivi, socioeconomici, religiosi e persino sociali, contribuisce a cambiare i nostri ruoli e le nostre responsabilità. Ad esempio, i cambiamenti nella salute fisica o cognitiva nel tempo possono creare differenze nel pensiero analitico, nella mobilità e nei bisogni di assistenza sanitaria. Sperimentiamo anche cambiamenti nel lavoro, ruoli sociali e familiari e responsabilità nel tempo. Gli esempi includono transizioni dal lavoro alla pensione, genitorialità a nidificazione vuota, educazione dei figli alla cura di genitori o partner anziani.

Questi cambiamenti possono alterare i nostri desideri sessuali, l’ espressione e la frequenza con cui ci impegniamo in attività sessuali con i partner. Ad esempio, il funzionamento e l’attività sessuale possono diminuire nel tempo, ma avere una comunicazione aperta con un partner che risponda ai nostri bisogni può aumentare i nostri sentimenti di intimità e desiderio e, a sua volta, stimolare l’attività sessuale.

Il supporto e le attività sociali in evoluzione possono cambiare le opportunità per il sesso e l’intimità. I partner possono sparire attraverso la morte o allontanarsi, o apparire, come quando si incontrano nuove persone dopo essersi trasferiti in una comunità che invecchia. Oltre un terzo degli adulti di età superiore ai 65 anni utilizza i social media o le tecnologie, Internet. Questi strumenti possono ampliare l’interesse o le attività sessuali aumentando l’accesso agli aiuti e ai partner sessuali.

Sesso dopo i 60 anni

Ci sono miti, malintesi e stigma associati all’invecchiamento e alla sessualità che ostacolano la capacità degli adulti di comunicare apertamente con familiari, amici e operatori sanitari. Questa disinformazione limita il loro accesso all’educazione sessuale, all’assistenza sanitaria e, in definitiva, ai loro diritti sessuali .

Il primo mito è che gli anziani non sono sessualmente attraenti o desiderabili come i loro colleghi più giovani. Mentre un ottantenne potrebbe non essere attraente per un diciottenne, potrebbe essere molto desiderabile ai coetanei. Ancora più importante, lui o lei può sentirsi più sessualmente desiderabile e fiducioso rispetto al loro pari sé più giovane .

Un secondo mito è che gli adulti più anziani non hanno interesse e desiderio per l’attività sessuale – e che sono in qualche modo asessuati. La ricerca da indagini nazionali in corso supporta l’idea che l’interesse sessuale, i desideri e i comportamenti possano diminuire nel corso della vita. Ad esempio, tra le donne di età compresa tra 57 anni e oltre, oltre l’80 per cento dei partecipanti ha espresso interesse a fare sesso, ma meno di due terzi delle donne intervistate considera il sesso come “importante ” e meno della metà ha riferito di aver fatto sesso nell’anno precedente. Tuttavia, la realtà è che queste tendenze non sono universali tra gli adulti più anziani. I risultati di un altro recente sondaggio hanno rilevato che il 39% degli uomini e il 17% delle donne di età compresa tra 75 e 85 anni sono sessualmente attivi.

Un altro mito è che gli adulti più anziani sono così medicalmente fragili che l’attività sessuale è pericolosa. Questo semplicemente non è vero in molti casi. Recenti studi hanno dimostrato che gli anziani più sani hanno maggiori probabilità di avere rapporti sessuali . Anche quando sono presenti malattie croniche, l’astinenza sessuale non è una conclusione scontata. Ad esempio, una dichiarazione dell’American Heart Association del 2012 contiene raccomandazioni basate sull’evidenza circa l’attività sessuale tra i pazienti con specifiche condizioni cardiovascolari. Le raccomandazioni generalmente consigliano di valutare i rischi con un medico e la gestione della malattia, piuttosto che l’astensione.

Esistono relazioni ben documentate tra condizioni mediche comuni come malattie cardiache o diabete ed effetti correlati al trattamento sul funzionamento sessuale. Tuttavia, gli anziani e i loro operatori sanitari non stanno discutendo delle preoccupazioni sessuali durante le cure di routine. Le opportunità mancate durante le visite privano gli anziani di accesso a trattamenti più recenti e altre migliori pratiche nella medicina sessuale, che possono avere un impatto sulla loro salute mentale e fisica.

Un problema più grande potrebbe essere l’attitudine degli anziani nei fornitori e l’età interiorizzata nei loro pazienti che potrebbe interferire con l’educazione sessuale e l’applicazione di standard più recenti. Il risultato è che molti credono gli adulti più anziani non interessati, o non desiderino, l’attività sessuale e non possano impegnarsi nella stessa.

L’amore ha molto a che fare con questo

C’è più della sessualità che degli atti fisici. Mentre gran parte della ricerca esistente si concentra sull’attività sessuale e sul rapporto sessuale come predittori o risultati, la maggior parte degli anziani desidera anche compagnia, intimità e vicinanza. Le attività incentrate sul non-rapporto, come tenersi la mano, coccolare e massaggiare, non sono state studiate tanto quanto il rapporto sessuale. Eppure, c’è motivo di credere che possano migliorare l’intimità. La ricerca sui risultati di salute fisica e mentale derivanti dall’attività sessuale degli adulti più anziani rivela ulteriori benefici, tra cui un declino cognitivo ridotto, un minore senso di solitudine e depressione e un migliorato stato di salute, funzionamento fisico e altri aspetti della qualità della vita.

Studi recenti rivelano anche che gli adulti più anziani sessualmente attivi hanno maggiori probabilità di comunicare bisogni e preoccupazioni con gli operatori sanitari e di indirizzarli. Fornire un’assistenza sanitaria sessuale di alta qualità richiede che i fornitori prendano informazioni complete sulla salute sessuale dei pazienti più anziani e si impegnino in una comunicazione diretta e positiva riguardante il genere e l’identità sessuale e le conoscenze, le credenze e le pratiche sessuali.

Le discussioni dovrebbero promuovere la comprensione dei comportamenti a rischio sessuale per le IST e gli effetti dell’invecchiamento fisico e cognitivo o psicologico sulla salute sessuale e sulla sessualità. Per mantenere o migliorare la salute e il benessere sessuale degli anziani, i fornitori di assistenza sanitaria dovrebbero fornire ambienti sicuri e accoglienti per la collaborazione, le risorse e le referenze interdisciplinari degli assistenti sociali, sessuologi, fisioterapisti e altre specialità sanitarie affini.

Categorie:Educazione, Equilibrio

Con tag: