Ricerca

Un singolo allenamento può aumentare il metabolismo per giorni

Un nuovo studio dell’UT Southwestern Medical Center mostra che i neuroni nei topi che influenzano il metabolismo sono attivi fino a due giorni dopo un singolo allenamento. La ricerca offre nuove informazioni sul ruolo potenziale del cervello sul fitness e, a lungo termine, e può fornire un obiettivo per lo sviluppo di terapie che migliorano il metabolismo.

“Non ci vuole molto esercizio per alterare l’attività di questi neuroni”, ha detto il dott. Kevin Williams, neuroscienziato dell’UT Southwestern. “Sulla base dei nostri risultati, prevediamo che uscire e allenarsi anche una volta in modo semi-intenso può dare benefici durevoli per giorni, in particolare per quanto riguarda il metabolismo del glucosio “.

Lo studio, pubblicato nell’edizione di dicembre del Metabolism Cell, ha misurato gli effetti dell’esercitazione a breve e lungo termine su due tipi di neuroni che comprendono il circuito del cervello melanocortinico, condiviso sia da esseri umani che da topi. Uno dei tipi di neurone (POMC) è associato ad una riduzione dell’appetito, a livelli più bassi di glucosio nel sangue e a una maggiore combustione di energia quando attivato; l’altro tipo (NPY / AgRP) aumenta l’appetito e diminuisce il metabolismo quando attivato.

Lo studio ha scoperto che un singolo esercizio può aumentare l’attività dei neuroni POMC e inibire il neurone NPY / AgRP della controparte per un massimo di due giorni. Quei cambiamenti durano più a lungo con più allenamento.

I risultati ampliano la comprensione scientifica del circuito melanocortinico, che studi precedenti hanno dimostrato potrebbero essere alterati attraverso l’alimentazione o il digiuno, ma non erano ancora stati collegati all’esercizio fisico.

I risultati forniscono anche un’altra strada per la ricerca di potenziali trattamenti volti a migliorare il metabolismo del glucosio in pazienti con condizioni come il diabete. Più di 30 milioni di americani hanno il diabete, rappresentando circa il 10% della popolazione. Altri 84 milioni hanno prediabete, che può portare al diabete entro cinque anni, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

“E ‘possibile che l’attivazione dei neuroni melanocortinici possa mantenere benefici terapeutici per i pazienti un giorno, specialmente per i diabetici che hanno bisogno di un miglioramento della regolazione del glucosio ematico”, ha detto il dott. Williams.

Lo studio ha misurato l’attività del circuito cerebrale nei topi con regimi di allenamento che sono durati da zero a 10 giorni. Gli scienziati hanno scoperto che un singolo allenamento (composto da tre tapis roulant da 20 minuti) ha determinato una diminuzione dell’appetito durata fino a sei ore. “Questo risultato può spiegare a livello del circuito neurale perché molte persone non sentono fame subito dopo l’esercizio”, ha detto il dottor Williams.

Gli effetti a lungo termine dell’esercizio fisico sono stati osservati nei neuroni POMC, che migliorano il metabolismo del glucosio quando attivato. Questi neuroni sono rimasti attivi più a lungo se esprimevano anche una proteina chiamata recettore della leptina.

Il laboratorio del Dr. Williams sta preparando un secondo studio per stabilire i meccanismi con cui l’esercizio innesca i cambiamenti nei neuroni melanocortinici. Lo studio pianificato registrerà anche più dati su come questi cambiamenti siano correlati con funzioni biologiche quali il metabolismo del glucosio e il bilancio energetico.

Il dottor Williams ha detto: “Una migliore comprensione dei collegamenti neurali all’esercizio fisico può potenzialmente aiutare una serie di condizioni influenzate dalla regolazione del glucosio”.