Mangiare e bere

Elevati livelli di piombo trovati in alcune spezie acquistate all’estero

Le indagini sui casi di avvelenamento da piombo a New York City (NYC) hanno portato a riscontrare alti livelli di piombo in alcune spezie acquistate all’estero, riporta uno studio nel Journal of Public Health Management and Practice, parte di un supplemento speciale dedicato alla Prevenzione dell’avvelenamento da piombo.

Lo studio di Paromita Hore, Ph.D., MPH e colleghi del Dipartimento di salute e igiene mentale di New York evidenzia i potenziali rischi daesposizione al piombo da fonti “non tradizionali”, anche se i livelli ematici della popolazione negli Stati Uniti continuano a diminuire. “Mentre la vernice a base di piombo e i rischi da piombo occupazionale rimangono le principali fonti di esposizione al piombo tra i bambini e gli uomini avvelenati da piombo a New York, rispettivamente, queste non sono le uniche fonti possibili”, scrivono i ricercatori.

Pubblicità e progresso

Le spezie sono una fonte comune di esposizione al piombo per alcuni newyorkesi

Il dott. Hore e colleghi condividono la loro esperienza con l’analisi delle spezie come potenziale fonte di esposizione al piombo. Tra il 2008 e il 2017, il Dipartimento della salute di New York ha testato oltre 3.000 campioni di prodotti di consumo durante le indagini su casi di avvelenamento da piombo e indagini sui negozi locali. Le spezie erano il prodotto più frequentemente testato: sono stati testati quasi 1.500 campioni da 41 paesi.

Più della metà dei campioni di spezie presentavano concentrazioni di piombo rilevabili e oltre il 30% aveva concentrazioni di piombo superiori a 2 parti per milione (ppm): un limite consentito per il piombo in alcuni additivi alimentari utilizzato come valore di riferimento dal Dipartimento della salute di New York.

Le spezie acquistate all’estero avevano un contenuto di piombo medio molto più alto delle stesse acquistate negli Stati Uniti. Ad esempio, il kharcho suneli curcuma georgiana acquistata a New York aveva una concentrazione di piombo media inferiore a 2 ppm, ma quando le stesse spezie venivano acquistate all’estero, le concentrazioni medie superavano i 50 ppm. “Le più alte concentrazioni di piombo sono state trovate in spezie acquistate nei paesi quali: Georgia, Bangladesh, Pakistan, Nepal e Marocco”, scrivono il Dr. Hore e coautori.

A New York, i bambini e le donne incinte di origine georgiana e dell’Asia meridionale sono rappresentati in modo sproporzionato tra la popolazione esposta al piombo. Sebbene non sia l’unica fonte di esposizione al piombo, le spezie sono un fattore importante da considerare in questi gruppi ad alto rischio. “I professionisti della salute pubblica e gli operatori sanitari dovrebbero anche essere a conoscenza delle spezie come potenziale fattore di rischio per l’ esposizione al piombo e per le popolazioni a rischio “, secondo gli autori.

La maggior parte delle spezie contaminate acquistate all’estero erano in contenitori non marcati senza informazioni sul marchio. I più alti livelli di piombo sono stati misurati nella spezia georgiana kviteli kvavili, o “fiore giallo”. Esempi di altre spezie contaminate acquistate all’estero comprendevano curcuma, peperoncino piccante, peperoncino in polvere e paprika.

Lo studio ha importanti implicazioni per i programmi di salute pubblica , la politica e le normative internazionali sulla sicurezza alimentare, secondo il dott. Hore e colleghi. Notano che l’adulterazione delle spezie, intenzionale o involontaria, può avvenire ovunque lungo la catena di approvvigionamento. Gli autori concludono: “In generale, un approccio esclusivamente localizzato o nazionale per affrontare la contaminazione delle spezie non sarà adeguato, poiché il problema è globale”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: