Reni

Insufficienza renale in aumento negli australiani sotto i 50 anni con diabete di tipo 2

Uno studio condotto su oltre 1,3 milioni di australiani con diabete ha rilevato che l’insufficienza renale è in aumento nei diabetici di tipo 2 con età inferiore ai 50 anni, con conseguente riduzione della qualità della vita e aumento della domanda nei servizi di dialisi e trapianto di reni del paese.

Lo studio, condotto da ricercatori del Baker Heart and Diabetes Institute, richiede un’attenzione urgente per ridurre la progressione della malattia renale in Australia e sottolinea l’importanza del trattamento del fattore di rischio aggressivo nelle persone con diabete di tipo 2 di insorgenza più giovane.

Lo studio del registro per la patologia ha esaminato le tendenze nella malattia renale allo stadio terminale (definita come trapianto di rene o l’inizio della dialisi) nella popolazione australiana con diabete dal 2002 al 2013.

Il dato più rilevante è stato il progressivo aumento della malattia renale allo stadio terminale nelle persone con diabete di tipo 2 di età inferiore ai 50 anni, mentre è rimasta stabile per quelli con diabete di tipo 1 e per diabete di tipo 2 di età compresa fra 50 e 80 anni.

Questo risultato è anche supportato da altri studi simili. Lo studio, pubblicato sull’American Journal of Kidney Diseases, ha anche rilevato come l’incidenza di nefropatia allo stadio terminale era più elevata negli uomini rispetto alle donne; coloro che vivono nelle aree più svantaggiate; negli indigeni rispetto ai non indigeni e quelli che vivono in aree remote rispetto alle grandi città.

La malattia renale allo stadio terminale si verifica quando l’insufficienza renale cronica – la graduale perdita della funzionalità renale – raggiunge uno stato avanzato e i reni non sono più in grado di filtrare i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue, che dovrebbero essere escreti nelle urine. Quando i reni perdono queste capacità, possono accumularsi pericolosi livelli di liquidi, elettroliti e rifiuti, che richiedono la dialisi o un trapianto di rene per rimanere in vita.

Nella maggior parte dei paesi sviluppati, il diabete è ora la principale causa di malattia renale allo stadio terminale ed è responsabile di oltre il 40 per cento dei nuovi casi di insufficienza renale. I pazienti possono manifestare sintomi da nausea e perdita di appetito, a fatica, a problemi di sonno e crampi muscolari.

L’autore senior, ricercatore sul diabete ed endocrinologo presso il Baker Institute, il professor Jonathan Shaw (in foto) ha detto che la crescente prevalenza di diabete accoppiato con il crescente rischio di malattia renale allo stadio terminale nelle persone con diabete di tipo 2 ha suggerito che la futura domanda di dialisi e trapianto renale rappresenta un enorme onere per il sistema sanitario australiano.

“Abbiamo saputo per molto tempo come il numero totale di persone che necessitano dialisi renale o trapianto in Australia stava salendo, ma non pensavamo fosse dovuto principalmente al numero crescente di persone con diabete”, ha detto il professor Shaw.

“La preoccupazione principale è il tasso crescente in coloro attorno ai 50 anni d’età”, ha detto. “Questa è una scoperta davvero preoccupante, ma si spera che migliorando le cure mediche, gestendo in modo aggressivo la pressione arteriosa e altri fattori di rischio cardiovascolari oltre al controllo della glicemia, possiamo iniziare a capovolgerlo”.

Il professor Shaw ha detto che non era certo se l’aumento dei tassi di malattia renale fosse un riflesso della terapia medica meno aggressiva in Australia negli ultimi 12 anni in persone con diabete di tipo 2 insieme a cambiamenti nella gestione della malattia renale, o il risultato di una forma più aggressiva della malattia che sta emergendo. Ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore.