Ricerca

I farmaci per abbassare il colesterolo riducono il tessuto adiposo bruno

Una certa proporzione della popolazione adulta non ha solo tessuto adiposo bianco (o grasso), ma anche il tipo marrone. Questo tessuto adiposo marrone aiuta a convertire lo zucchero e il grasso in calore. Le persone con tessuto adiposo bruno sono più brave a regolare la temperatura corporea in inverno, e hanno meno probabilità di soffrire di eccesso di peso o diabete.

Un gruppo internazionale di ricercatori guidati da Christian Wolfrum, professore al Translational Nutritional Biology presso l’ETH di Zurigo, ha ora scoperto che la classe delle statine, sono dei farmaci che riducono la formazione del tessuto adiposo bruno. Le statine sono prescritte come una terapia per ridurre il rischio di infarto poiché riducono i livelli di colesterolo nel sangue. Sono tra i farmaci più comunemente prescritti in tutto il mondo.

Pubblicità e progresso

Dei topi e degli uomini

Wolfrum e i suoi colleghi hanno studiato il tessuto adiposo marrone per molti anni. Esaminato la questione di come le “cattive” cellule adipose bianche, che formano lo strato di grasso sotto la nostra pelle, diventano “buone” cellule di grasso bruno. Avendo condotto esperimenti di coltura cellulare, hanno scoperto che la via biochimica responsabile della produzione di colesterolo gioca un ruolo centrale in questa trasformazione. Hanno anche scoperto come la molecola chiave che regola la trasformazione è il metabolita geranilgeranile pirofosfato.

Studi precedenti hanno dimostrato che la via biochimica del colesterolo è anche centrale per il funzionamento delle statine; uno dei loro effetti è di ridurre la produzione di piran fosfato digeranilgeranile. Questo è il motivo per cui i ricercatori volevano sapere se le statine influiscono anche sulla formazione del tessuto adiposo bruno. E in effetti lo fanno, come hanno dimostrato gli scienziati in studi su topi e umani.

Una cosa che i ricercatori hanno fatto è stata la scansione tomografica ad emissione di positroni di 8.500 pazienti presso l’Ospedale universitario di Zurigo. Questo permette loro di determinare se la persona ha il tessuto adiposo marrone. Era anche noto se i pazienti assumessero statine. La valutazione delle scansioni mostra che il 6% di coloro che non assumevano il farmaco avevano tessuto adiposo bruno, ma questo tipo di tessuto era presente solo in poco più dell’1% di coloro che assumevano statine.

I ricercatori hanno condotto uno studio clinico separato di 16 persone negli ospedali universitari di Basilea e Zurigo per dimostrare che le statine riducono l’attività del tessuto adiposo bruno.

“Farmaci incredibilmente importanti”

Sebbene lo studio abbia dimostrato che le statine hanno un impatto negativo, Wolfrum mette in guardia dal metterle in discussione. “Dobbiamo anche considerare che le statine sono incredibilmente importanti come un modo per prevenire le malattie cardiovascolari, salvano milioni di vite in tutto il mondo e sono state prescritte per una buona ragione”, dice.

Tuttavia, le statine hanno anche un altro effetto negativo: in alte dosi, aumentano leggermente il rischio di sviluppare il diabete tipo 2 in alcune persone – come è stato dimostrato in altri studi. “È possibile che questi due effetti – la riduzione del tessuto adiposo bruno e il rischio leggermente aumentato di diabete – siano correlati”, dice Wolfrum, aggiungendo che questa domanda richiede ulteriori ricerche.

Ma Wolfrum sottolinea che anche se fosse stato stabilito un tale collegamento, non è un stato un motivo per demonizzare le statine. Piuttosto, è un imperativo condurre ulteriori ricerche sui meccanismi alla base di questo e scoprire quali pazienti sono interessati. Potrebbe quindi essere possibile adottare un approccio di medicina personalizzata e continuare a raccomandare statine alla maggior parte delle persone, proponendo al contempo terapie alternative per un piccolo gruppo di pazienti.

Categorie:Ricerca, Terapie

Con tag:,