Reni

Le bevande zuccherate danneggiano i reni

Un maggiore consumo collettivo di bevande di frutta zuccherate, soda e acqua è stato associato a una maggiore probabilità di sviluppare malattia renale cronica (CKD) in uno studio basato sulla comunità di adulti afro-americani in Mississippi. I risultati, che appaiono in un prossimo numero del Clinical Journal della American Society of Nephrology ( CJASN ), contribuiscono al crescente corpo di prove che indicano le conseguenze negative sulla salute del consumo di bevande zuccherate.

Alcune bevande possono influire sulla salute dei reni, ma i risultati dello studio sono stati incoerenti. Per fornire maggiore chiarezza, Casey Rebholz Ph.D., MS, MNSP, MPH (Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health) e i suoi colleghi hanno studiato prospetticamente 3003 uomini e donne afroamericani con normale funzione renale che sono stati arruolati nel Jackson Heart Study.

Pubblicità e progresso

“C’è una mancanza di informazioni complete sulle implicazioni per la salute dell’ampia gamma di opzioni di bevande disponibili nell’approvvigionamento alimentare “, ha affermato il dott. Rebholz. “In particolare, ci sono informazioni limitate su quali tipi di bevande e modelli di bibite sono associati al rischio di malattie renali in particolare.”

Per il loro studio, gli investigatori hanno valutato l’assunzione di bevande attraverso un questionario sulla frequenza degli alimenti somministrato all’inizio dello studio nel 2000-04 e hanno seguito i partecipanti fino al 2009-13.

Tra i 3003 partecipanti, 185 (6%) hanno sviluppato CKD su un follow-up mediano di 8 anni. Dopo aggiustamento per fattori confondenti, il consumo di un modello di bevanda costituito da soda, bevande di frutta zuccherate e acqua era associato a un rischio più elevato di sviluppare CKD. I partecipanti al terzile più alto per il consumo di questo modello di bevande avevano il 61% in più di probabilità di sviluppare CKD rispetto a quelli del terzile inferiore.

I ricercatori sono stati sorpresi nel vedere che l’acqua era un componente di questo modello di bevande che era collegato a un più alto rischio di CKD. Hanno notato che i partecipanti allo studio potrebbero aver segnalato il loro consumo di un’ampia varietà di tipi di acqua, comprese le acque aromatizzate e addolcite. Sfortunatamente, gli investigatori non hanno raccolto informazioni su marchi o tipi specifici di acqua in bottiglia nel Jackson Heart Study.

In un editoriale di accompagnamento, Holly Kramer, MD, MPH e David Shoham, Ph.D. (Loyola University Chicago) ha osservato che i risultati hanno forti implicazioni sulla salute pubblica. “Mentre alcune città statunitensi selezionate hanno ridotto con successo il consumo di SSB [bevande zuccherate] attraverso la tassazione, tutti gli altri comuni hanno resistito agli sforzi di sanità pubblica per ridurre il consumo di SSB”, hanno scritto. “Questa resistenza culturale alla riduzione del consumo di SSB può essere paragonata alla resistenza culturale alla cessazione del fumo negli anni ’60 dopo la pubblicazione del rapporto del Surgeon General: negli anni ’60 l’uso del tabacco era considerato una scelta sociale e non un problema di salute pubblica o sociale “.

In un editoriale di accompagnamento, Duane Sunwold ha spiegato come un paziente affetto da CKD ha cambiato il suo modo di mangiare e bere per mettere la sua malattia in remissione. Come chef, offre una serie di raccomandazioni ai pazienti che cercano di ridurre il loro consumo di bevande zuccherate.

Categorie:Reni, Ricerca

Con tag:,