Sport e movimento

Studio pilota EXTOD: l’attività fisica negli adulti con diabete di tipo 1 di recente diagnosi – che fanno?

L’attività fisica (PA) ha molti benefici nel diabete mellito di tipo 1 (tipo 1 DM). Tuttavia, i livelli di questa nelle persone con DM di tipo 1 non sono stati precedentemente misurati con precisione. A tale proposito i ricercatori del Centro di ricerca biomedica Bristol Institute for Health Research, Ospedale universitario Bristol NHS Foundation Trust e Università di Bristol, Regno Unito, hanno rivolto il confronto della PA misurandolo oggettivamente negli adulti a cui è stato recentemente diagnosticati il DM di tipo 1 e adulti sani.

I dati dell’accelerometro di 65 adulti sani [età media (DS) 31 (13), 29% uomini] sono stati confrontati con i dati di 50 persone con DM di tipo 1 [media (DS) 33 (10), 64% uomini], tempo trascorso da diagnosi <3 mesi, HbA1c 76 ± 25 mmol / mol) nello studio pilota EXTOD (Exercise for Type 1 Diabetes). In breve, EXTOD ha studiato la fattibilità di reclutare adulti con diagnosi recente di DM di tipo 1 in un intervento di esercizio di un anno. Sono stati utilizzati modelli di regressione multipla per studiare l’associazione tra stato del diabete e risultati dell’attività.

Gli adulti recentemente diagnosticati con DM di tipo 1 spendevano in media un quarto di tempo in meno in attività fisica moderata-vigorosa (MVPA) al giorno rispetto agli adulti sani [dopo aggiustamento per fattori confondenti, valori predetti: adulti DM tipo 1: [media (DS )] 37,4 minuti / giorno (9.1) Adulti sani: 52,9 minuti / giorno (11,0)]. Nessuna differenza nell’MVPA tra i gruppi è stata osservata nel fine settimana, ma gli adulti con DM di tipo 1 hanno trascorso più tempo nell’attività fisica leggera (LPA) e meno tempo nel comportamento sedentario. Il tempo trascorso in sedentario o LPA durante i giorni feriali non differiva tra i gruppi.

Gli adulti di recente diagnosi con DM di tipo 1 fanno meno attività fisica moderata-vigorosa (MVPA). Gli operatori sanitari dovrebbero incoraggiare queste persone a impegnarsi in più PA. Sono necessari ulteriori studi per valutare la PA nelle persone con DM di tipo 1 di maggiore durata.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Frontiers of Public Health del 21 dicembre 2018.