Counseling/consulenze

Mi sono arreso

“Dopo un po’ mi sono arreso, sono diventato troppo duro, ho chiuso gli occhi, non volevo saperlo”, le diagnosi di diabete mellito di tipo 1 descrivono la sconfitta in un contesto di basso sostegno sociale.

Il diabete mellito di tipo 1 (T1DM) è una condizione permanente che richiede una autogestione diligente per evitare complicazioni. Vivere con T1DM è una sfida considerevole e l’incapacità di seguire un regime prescritto viene spesso definita non conformità. Tuttavia, questo non riconosce che per alcune persone gli ostacoli al controllo glicemico possono essere insormontabili.

Questo studio qualitativo compiuto in Australia dal College of Medicine and Public Health, Università di Flinders, Adelaide, Australia Meridionale, esplora i determinanti strutturali, il contesto sociale e l’esperienza vissuta di T1DM con 17 adulti per comprendere le influenze su modelli di auto-cura, impegno e fiducia nei servizi di assistenza sanitaria e risultati di salute.

Le loro storie ci dicono che un forte sostegno sociale è vitale per l’adattamento della malattia e la gestione continua della stessa. Quando il supporto sociale è assente, la storia è quella di dover lottare solo con la gestione intensiva del diabete e la difficoltà nel controllare i livelli di glucosio nel sangue. Di fronte a un controllo glicemico subottimale, i partecipanti isolati dal supporto sociale hanno sviluppato relazioni combattive con gli operatori sanitari e si sono disimpegnati dall’assistenza sanitaria. Il loro successivo scivolamento verso una malattia cronica con comorbidità è ripido e questo studio rivela l’angoscia e la perdita sperimentate quando le circostanze della vita sono difficili e bassi livelli di supporto sociale hanno portato a danni irreparabili ai reni.

I modelli di scarso controllo glicemico osservati durante l’incontro sanitario senza una comprensione del contesto o delle circostanze di vita in cui si verificano possono portare all’incapacità di impegnarsi con i servizi di assistenza sanitaria. Il disimpegno dai servizi e l’assenza di cure specialistiche isola ulteriormente le persone, lasciandole gestire il loro diabete da solo con un successo limitato.

Studio pubblicato sulla rivista Health Expectation del 14 dicembre 2018.