Mangiare

Trasformare il nostro sistema alimentare per garantire un futuro sostenibile

Entro il 2050, il mondo avrà quasi 10 miliardi di persone. Sarà impossibile nutrire tutti senza esacerbare la povertà, accelerare la deforestazione e aumentare le emissioni di gas serra a meno che non iniziamo a fare cambiamenti sostanziali al nostro sistema alimentare ora. Questo problema è trattato in una nuova relazione, Creazione di un futuro alimentare sostenibile, pubblicata il 5 dicembre nella serie di relazioni sulle risorse mondiali. Il rapporto è stato prodotto da WRI, in collaborazione con la Banca mondiale, Agenzia dell’ambiente delle Nazioni Unite, il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, il CIRAD e l’INRA.

Risultati allarmanti, ma proposte concrete

Nel rapporto, WRI suggerisce modi per sfamare quasi 10 miliardi di persone entro il 2050. La domanda alimentare aumenterà di oltre il 50%, con una probabile crescita della richiesta di prodotti alimentari a base animale (carne, latticini e uova) di quasi il 70%. Centinaia di milioni di persone già soffrono la fame, l’agricoltura utilizza circa la metà delle aree verdi del mondo e genera un quarto delle emissioni globali di gas serra (GHG).

Non sorprende che il rapporto dice come non esista un proiettile d’argento. Tuttavia, offre un menu di 22 opzioni atte a suggerire che è possibile nutrire tutti in modo sostenibile. “Questo assomiglia allo scenario” sano “stabilito dal CIRAD-INRA Agrimonde-Terra: un esercizio di previsione in duversi e importanti modi, tuttavia, i due differiscono in termini di obiettivi iniziali. Il WRI si proponeva di aumentare la produzione di cibo riducendo le emissioni di GHG e limitandone l’utilizzo in agricoltura, Per Agrimonde-Terra, d’altro canto, il compito era esplorare diversi scenari futuri di utilizzo del suolo “, afferma Patrice Dumas del CIRAD, un esperto francese il quale ha contribuito sia al rapporto WRI che all’attività di Agrimonde-Terra.

Le stime del WRI che alimentano il mondo in modo sostenibile riducendo l’uso di suolo agricolo e le emissioni di gas serra entro il 2050 significheranno per il mondo intero:

(1) ridurre la domanda tagliando le perdite e gli sprechi alimentari, mangiando meno carne di manzo e agnello, usando le colture per cibo e mangimi piuttosto che i biocarburanti e riducendo la crescita della popolazione raggiungendo livelli di fertilità sostitutivi; 
(2) aumentare la produttività delle colture e del bestiame a livelli superiori a quelli storici ma sulla stessa area territoriale; 
(3) fermare la deforestazione, ripristinare le torbiere e le terre degradate e collegare i guadagni di rendimento alla protezione dei paesaggi naturali; 
(4) migliorare l’acquacoltura e la gestione della pesca selvatica in modo più efficace; 
(5) utilizzando tecnologie innovative e metodi di coltivazione che riducono le emissioni di GHG agricole.

Limitare il riscaldamento globale significherà agire sul settore alimentare

Il cibo è alla base della maggior parte delle questioni ambientali e di sviluppo: deforestazione, malnutrizione, perdita di biodiversità, scarsità d’acqua, cambiamenti climatici, inquinamento delle acque e altro ancora. Migliorando il modo in cui il cibo del mondo viene prodotto e consumato, possiamo trattare la causa e non solo i sintomi.

Allo stato attuale, l’agricoltura, incluso il conseguente utilizzo dei terreni, cambia circa il 25% delle emissioni globali (12 Gt di CO 2 all’anno). La cifra potrebbe raggiungere i 15 Gt di CO 2entro il 2050, vale a dire più del 70% del “bilancio del carbonio” globale stabilito nell’accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale a meno di 2 ° C. Ciò lascerebbe solo il 30% per gli altri settori che generano emissioni di gas serra, come i trasporti. Il rapporto spiega come il mondo potrebbe ridurre le emissioni di GHG agricole di due terzi (fino a 4 Gt di CO 2 ) entro il 2050.

Categorie:Mangiare

Con tag:,,