Compliance

La consapevolezza può aiutare a domare lo stress quotidiano

Essere in sintonia con il momento presente – chiamato consapevolezza (mindfulness)- può alleviare lo stress e renderti un attore piuttosto che un reattore, dice un esperto di benessere.

Concentrarsi su ciò che sta accadendo in questo momento permette alle persone di notare le cose che altrimenti potrebbero mancare, ha detto il dottor Timothy Riley. È un assistente professore nel dipartimento di medicina di famiglia e della comunità alla Penn State Health.

Potrebbe sembrare abbastanza semplice. Ma essere impegnato nel momento presente, intenzionalmente e senza giudizio, può essere una sfida, ha detto.

Pubblicità e progresso

“Essere consapevoli delle sensazioni fisiche, dei pensieri e delle emozioni – sia piacevoli che spiacevoli – può aiutarci a scegliere come rispondere, piuttosto che semplicemente reagire”, mi ha detto Riley.

L’educazione e i geni di ogni individuo hanno programmato come avvicinarsi alle situazioni, ha spiegato. Le reazioni automatiche di una persona possono essere azzeccate o no.

“Cammini da Starbucks, vedi un biscotto e hai una risposta emotiva“, ha detto. “Tu vuoi il biscotto, poi può venire il senso di colpa per volere un biscotto”.

Se sei consapevole, vedi il biscotto, sei consapevole della tua risposta emotiva e puoi lasciare che sia senza giudizio, ha aggiunto Riley.

“Ti mette in questa posizione di osservatore in cui puoi testimoniare ciò che sta accadendo senza esserne avvolto”, ha detto. “Ti dà un po ‘di spazio.”

Quel momento può aiutarti a decidere se comprare il biscotto è saggio e se ne hai davvero bisogno ora, ha detto.

Molti studi hanno dimostrato come la consapevolezza e gli interventi correlati possano aiutare a ridurre lo stress e i problemi di salute cronici, come ansia, depressione, dolore e ipertensione.

“Essere concentrati sul momento presente ha una serie di effetti positivi sulla nostra vita di tutti i giorni, di solito, qualsiasi cosa stia accadendo in questo momento non è poi così male, e rendendosi conto che può portarci in uno stato d’animo più positivo. l’interazione è migliore “, ha spiegato Riley.

La consapevolezza aumenta anche l’attività nella parte del cervello che aiuta a sedare il bambino interiore che vuole urlare, urlare, piangere, colpire o lanciare un attacco, ha osservato.

“Più pratichiamo la consapevolezza, più stiamo flettendo questo muscolo di regolazione emotiva”, ha detto Riley. “Quando arrivano le emozioni automatiche, possiamo scegliere se impegnarle o meno.”

Categorie:Compliance

Con tag: