Terapie

Lo studio rivela un alto tasso di flebiti causato da cannule endovenose

L’incidenza delle flebiti causata da inserzioni di cannula intravenosa periferica può essere maggiore tra i pazienti con determinati fattori di rischio, secondo uno studio pubblicato online il 27 dicembre sul Journal of Clinical Nursing.

Dragana Simin, Ph.D., RN, dell’Università di Novi Sad in Serbia, e colleghi hanno valutato le complicazioni tra 368 pazienti adulti sottoposti a 1.428 inserimenti di cannule endovenose periferiche in cliniche ospedaliere terziarie.

I ricercatori hanno scoperto che la flebite era la complicanza più comune (44%), seguita da infiltrazione (16,3%), occlusione (7,6%) e dislocazione del catetere (5,6%). Il rischio di flebite era maggiore con comorbilità, infezione corrente, dimensioni del catetere, tempo in situ e il numero di somministrazioni di soluzioni per infusione. La flebite di stadio medio era la gravità più comune. Il rischio di infiltrazione è aumentato con un catetere da 20 gauge, due o più tentativi di incannulazione e la somministrazione di una soluzione ad alto rischio durante il primo giorno. Il grado 2 era la gravità più comune per l’infiltrazione.

Pubblicità e progresso

“L’incidenza di infiltrazione, occlusione e dislocazione è quasi congruente con l’incidenza media di studi precedenti”, scrivono gli autori. “Tuttavia, l’incidenza e il grado di gravità associati alla presenza di flebiti erano significativamente più alti.”

Categorie:Terapie

Con tag: