Vista e dintorni

La terapia con statine riduce il rischio di retinopatia diabetica nei tipi 2

Skitterphoto / Pixabay

Per i pazienti di Taiwan con diabete di tipo 2 e dislipidemia, la terapia con statine è associata ad un rischio ridotto di retinopatia diabetica, secondo uno studio pubblicato online il 10 gennaio su JAMA Ophthalmology .

Eugene Yu-Chuan Kang, del Chang Gung Memorial Hospital di Taoyuan, Taiwan, e colleghi hanno esaminato la correlazione tra la terapia con statine e lo sviluppo della retinopatia diabetica in pazienti con diabete e dislipidemia. Dopo la corrispondenza del punteggio di propensione , 18.947 pazienti sono stati inclusi nei gruppi statine e non.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che il 10,6 e il 12,0% dei pazienti nei gruppi statine e non, rispettivamente, ha sviluppato una retinopatia diabetica. Rispetto al gruppo non, quello statinico presentava tassi significativamente più bassi di retinopatia diabetica, retinopatia diabetica non proliferativa, retinopatia diabetica proliferativa, emorragia del vitreo, distacco retinico trazionale ed edema maculare (hazard ratio, 0,86, 0,92, 0,64, 0,62, 0,61, e 0,60, rispettivamente); hanno anche avuto tassi più bassi di interventi come il trattamento con laser retinico, iniezione intravitreale e vitrectomia (hazard ratio, 0,71, 0,74 e 0,58, rispettivamente) e hanno subito un minor numero di questi interventi (indici di frequenza, 0,61, 0,68 e 0,54, rispettivamente). Una correlazione è stata osservata anche per la terapia con statine con rischio ridotto di eventi avversi cardiovascolari maggiori, neuropatia diabetica di nuova insorgenza e ulcere del piede diabetico di nuova insorgenza (hazard ratio, 0,81, 0,85 e 0,73, rispettivamente).

“Questi risultati suggeriscono che le statine sono associate ad una diminuzione della prevalenza della retinopatia diabetica e possono ridurre la progressione della stessa complicanza in pazienti con diabete di tipo 2 e dislipidemia”, scrivono gli autori.