Counseling/consulenze

Quanto sono efficaci i cani addestrati ad allertare i loro proprietari sui cambiamenti dei livelli glicemici del sangue?

Free-Photos / Pixabay

I cani per il rilevamento medico aiutano i pazienti diabetici a regolare i livelli glicemici?

Una nuova ricerca dell’Università di Bristol, in collaborazione con il Medical Detection Dogs, ha rilevato che i cani da addestramento meglio preparati hanno il potenziale per migliorare notevolmente la qualità della vita delle persone che vivono con il diabete di tipo 1.

Come riportato in PLOS One del 15 gennaio 2019, in media i cani addestrati hanno allertato i loro proprietari sull’83% degli episodi ipoglicemici in oltre 4000 episodi di ipo e iperglicemia esaminati. Un episodio ipoglicemico è il punto in cui il livello di zucchero nel sangue scende pericolosamente in basso e se non viene trattato, può portare a perdita di coscienza o addirittura alla morte.

I risultati confermano che i cani in allerta possono aiutare i pazienti di tipo 1 a regolare la glicemia in modo non invasivo ed evitare i rischi di episodi ipoglicemici e di iperglicemia.

L’autore principale, il dott. Nicola Rooney della Bristol Veterinary School, ha dichiarato: “Sappiamo già da precedenti studi che la qualità della vita dei pazienti è notevolmente migliorata da un cane , tuttavia, ad oggi, le prove provengono da studi su piccola scala. lo studio fornisce la prima valutazione su larga scala dell’utilizzo di cani di rilevamento medico per identificare l’ipoglicemia.”

In questo studio, i ricercatori di Bristol hanno valutato l’affidabilità di 27 cani da allerta addestrati alla glicemia, e che hanno fornito da 6 a 12 settimane di supervisione glicemica ininterrottamente in ogni momento in cui il cane è stato allertato verso i loro proprietari.

I cani di rilevamento medico addestrano i cani da compagnia a rispondere per reagire all’odore della malattia umana e aiutano i proprietari a vivere con patologie potenzialmente letali. Familiarità con i loro proprietari: i cani sono condizionati a rispondere con comportamenti d’attenzione quando i livelli di zucchero nel sangue dei loro proprietari non rientrano in un intervallo target.

Incoraggiati dal comportamento di allerta del loro cane, se si verificano tali episodi fuori range (OOR), il paziente può agire in modo appropriato, solitamente somministrando insulina o assumendo zucchero per mantenere i giusti livelli glicemici.

Il dott. Rooney, professore associato di benessere e comportamento degli animali, ha aggiunto: “La nostra ricerca dimostra che l’efficacia di un cane è influenzata dal singolo animale e dalla sua connessione con il partner umano, poiché l’uso di tali cani è in crescita, per tali scopi sono professionalmente addestrati, abbinati e monitorati da organizzazioni professionali come Medical Detection Dogs. È inoltre fondamentale che la ricerca continui sia a valutare la vera efficacia sia a determinare i modi per ottimizzare le loro prestazioni.”

La dott.ssa Claire Guest, Chief Executive e co-fondatrice di Medical Detection Dogs, ha dichiarato: “I risultati sono fantastici per tutti coloro che vivono con diabete di tipo 1 e altre condizioni. I cani per il rilevamento medico servono principalmente i pazienti che cercano modi più efficaci e indipendenti di gestire la propria condizione.

“I nostri cani servono anche la più ampia comunità medica offrendo soluzioni proattive che sono naturali, non invasive e hanno dimostrato di offrire innumerevoli benefici psicologici.

“Come nostri compagni naturali e con un senso dell’olfatto molto raffinato, perché non dovrebbero essere in grado di rilevare i cambiamenti nella salute personale?”

Nota personale: a prescindere dal report dello studio qui sintetizzato, tale modalità di supporto del diabetico tipo 1 non è materialmente alla portata di tutti noi. l’addestramento dei cani ha dei costi elevati e pet therapy a parte occorre non dare per scontata l’efficacia di tale soiuzione, pertanto teniamolo sempre ben presente quando vogliamo pensarci.