Sport e movimento

Seguendo le linee guida per la salute del cuore si riduce anche il rischio di diabete tipo 2

renategranade0 / Pixabay

Lo stile di vita e di salute buoni per il cuore può anche prevenire il diabete tipo 2, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Ohio State University Wexner Medical Center e College of Medicine, che ha pubblicato oggi in Diabetologia, la rivista della Associazione Europea per lo Studio del Diabete.

Il diabete è un problema crescente negli Stati Uniti ed Europa, con quasi un terzo della popolazione che vive con diabete o prediabete, secondo il Centers for Disease Control. Il dottor Joshua J. Joseph, un endocrinologo e assistente professore al Wexner Medical Center dell’Ohio, che vuole far scendere quei numeri. Studia vari modi per prevenire il diabete, e il suo ultimo lavoro ha esaminato come la salute cardiovascolare può avere un impatto sul rischio di diabete.

“Questa ricerca aggiunge alla nostra comprensione collettiva come i medici possono aiutare i loro pazienti a prevenire una serie di gravi malattie, tra cui le patologie cardiache, cancro e ora il diabete”, ha detto il dott. K. Craig Kent, decano del College of Medicine.

Il team guidato da Joseph ha valutato il diabete tra i 7.758 partecipanti per area geografica e differenze razziali nell’ambito dello studio Run (RIGUARDA) e utilizzando le linee della American Heart Association riportate nella guida Simple 7 per misurare la salute cardiovascolare tra il gruppo.

Simple 7indica  i fattori di salute di una vita e comportamenti di stile di vita che sono associati con la salute cardiovascolare quali: l’attività fisica, la dieta, il peso, colesterolo, pressione sanguigna, glicemia e l’uso del tabacco.

Complessivamente, i partecipanti allo studio che erano nella gamma raccomandata e ideale per almeno quattro dei sette fattori di cui sopra, avevano un rischio inferiore del 70% di sviluppare il diabete nei successivi 10 anni.

“La cosa interessante è quando abbiamo confrontato le persone che avevano una normale glicemia e quelle che avevano già una ridotta glicemia”, ha detto Joseph. “I livelli normali si ottengono quando si hanno quattro o più fattori orientativi con un rischio dell’80% più basso di sviluppare il diabete. Coloro che erano già diabetici o prediabetici e hanno incontrato quattro dei fattori non avevano alcun cambiamento nel ridurre il rischio per il diabete.”

Joseph ha detto che questa ricerca dimostra come l’utilizzo delle strategie di prevenzione sin dall’inizio è la chiave per aiutare la popolazione ad evitare il diabete.

“Le persone sane hanno bisogno di lavorare per rimanere in buona salute. Seguire le linee guida. Non procedere verso un alto livello di zucchero nel sangue e poi preoccuparsi di fermare il diabete. A quel punto, la gente ha bisogno di interventi ad alta intensità che si concentrano su attività fisica e la dieta per promuovere la perdita di peso e, possibilmente, farmaci per ridurre il rischio di diabete “, ha detto Joseph.

La sensibilizzazione della comunità è un modo con il quale Joseph e il suo team mettono le loro ricerche per un impiego pratico. Frequentano camminate per il benessere, giornate comunitarie e altri raduni nell’Ohio centrale per aiutare le persone a educarsi nella prevenzione del diabete e ad avviare abitudini sane.

“Non aspettare che la gente venga da noi come pazienti. Siamo molto impegnati a portare il nostro lavoro dal laboratorio e la sua applicazione per le nostre popolazioni in modo tale da poter contribuire a mantenere le nostre comunità in buona salute”, ha detto Joseph.