Mangiare e bere

Lenticchie con al lato del riso: la dieta salva pianeta?

Questa dieta consentirà alla previsione di 10 miliardi di persone entro il 2050 di vivere in modo sostenibile sulla Terra ed evitare morti premature

Andando a tavola per il pasto ovunque nel 2050: porridge per colazione, riso per pranzo, una cena a base di lenticchie e verdure e un singolo hamburger poche volte al mese, come regalo.

Ecco una carrellata del piano alimentare quotidiano che decine di esperti in salute e ambiente stanno sollecitando a livello mondiale al fine di sostenere una popolazione globale di 10 miliardi entro la metà del secolo, con il controllo dei cambiamenti climatici e la prevenzione di milioni di morti premature ogni anno in sempre maggior crescita.

Pubblicità e progresso

La carne è (quasi) fuori

Il team di uno studio sui prodotti alimentari pubblicato oggi su The Lancet dice che l’assunzione di alcuni alimenti come la carne e lo zucchero deve ridursi della metà entro il 2050 per diminuire l’onere globale rappresentato dai tre miliardi di persone sulla Terra che sono o troppo o troppo poco alimentate.

Mentre le nazioni più ricche devono ridurre drasticamente il consumo di carne, regioni come l’Asia meridionale attualmente sperimentano una carenza di calorie e proteine ??a causa della mancanza di carne rossa.

L’allevamento del bestiame è catastrofico per l’ambiente, producendo fino al 18% dei gas serra globali e contribuendo alla deforestazione e alla carenza d’acqua.

Secondo il nuovo regime, gli adulti sarebbero limitati a 14 grammi di carne rossa al giorno – equivalente a mezzo fetta di pancetta – e non assumere più di 30 calorie da essa.

Un tortino di hamburger da un quarto di gallone contiene circa 450 calorie e solo i nordamericani consumano più di sei volte l’assunzione giornaliera raccomandata di carne rossa tra 50 e 70 grammi.

La dieta raccomanda non più di 29 grammi di pollame al giorno, e 13 grammi di uova, o solo 1,5 alla settimana.

Frutta e verdura

Il team ha detto che il consumo di frutta, verdura e legumi come ceci e lenticchie deve aumentare più del doppio, in particolare nei paesi più poveri, dove più di 800 milioni di persone ricevono calorie insufficienti.

Sono necessari altri alimenti integrali come l’orzo e il riso integrale, ma le verdure ricche di amido come patate e manioca vanno limitate a 50 grammi al giorno.

Gli autori del rapporto hanno notato che la dieta ideale deve variare da regione a regione, sottolineando che il loro menu è stato progettato per mostrare come tutti possiamo ottenere 2.500 calorie al giorno, mantenendo sano e aiutando il pianeta.

“Mangiare meno carne rossa – che rappresenta soprattutto una sfida nel cambiamento del comportamento umano – è cruciale”, ha Johan Rockstrom, direttore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto sui cambiamenti climatici e uno degli autori.

“Ma qualcosa di altrettanto drammatico di cui si parla meno è la riduzione dei cereali e dei tuberi convenzionali e la transizione verso frutta secca, frutta, verdura e fagioli come principale fonte di nutrizione”.

Buone notizie per gli amanti delle noci

Gli autori stimano che la loro dieta migliorerebbe tramite l’assunzione della maggior parte dei nutrienti vitali riducendo al contempo il consumo di grassi saturi non sani.

Sorgenti salutari di grassi come noci e semi ricevono una spinta: puoi mangiare fino a 75 grammi al giorno di arachidi, ma in quei giorni dovresti ridurre gli altri grassi insaturi come il pesce grasso.

In definitiva, la nuova dieta potrebbe impedire globalmente fino a 11,6 milioni di morti premature all’anno, secondo i suoi creatori.