Batticuore

La diagnosi precoce di prediabete può ridurre il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari

Una diagnosi di prediabete dovrebbe essere un avvertimento per le persone a fare cambiamenti nello stile di vita per prevenire sia il diabete completo che le malattie cardiovascolari, secondo gli scienziati della Wake Forest School of Medicine.

“Sappiamo che avere il diabete aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, quindi nel nostro studio abbiamo voluto determinare quale fosse il rischio assoluto o la probabilità di sviluppare patologie cardiache per le persone che erano solo a un livello pre-diabetico di zucchero nel sangue”, ha detto l’autore principale dello studio, Michael P. Bancks, Ph.D., assistente professore di epidemiologia e prevenzione presso la scuola di medicina di Wake Forest, una parte della Wake Forest Baptist Health.

Lo studio è pubblicato nell’attuale numero di Diabetes Care.

Il prediabete è indicato da un livello di zucchero nel sangue a digiuno compreso tra 100 e 125 mg / dL (da 5,6 a 6,9 mmol / L), mentre un livello di zucchero nel sangue a digiuno inferiore a 100 mg / dL (5,6 mmol / L) è considerato normale. Un livello di 126 mg / dL (7 mmol / L) e più alto è la soglia diagnostica per il diabete, ha detto Bancks.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di sette studi osservazionali che includevano sia uomini bianchi che neri e donne seguite dal 1960 al 2015. La ricerca precedente si concentrava sui bianchi americani di discendenza europea, mentre questo studio includeva afroamericani, quindi i risultati potrebbero essere generalizzati su di una popolazione più ampia, ha detto Bancks.

Il campione includeva 19.630 individui che non avevano avuto un precedente evento cardiovascolare (CVD), considerato qui come malattia cardiaca o ictus. Il rischio assoluto di CVD è stato determinato attraverso l’analisi della categoria di glucosio a digiuno dei partecipanti a partire dai 55 anni fino all’età di 85 anni.

Bancks e colleghi hanno scoperto che il rischio di CVD variava dal 15% (non diabetico) al 38% (diabetico) tra le donne e dal 21% (non diabetico) al 47% (diabetico) tra gli uomini. Aumenti di glucosio a livello diabetico durante la mezza età erano associati a un rischio cardiovascolare sostanzialmente più alto rispetto a quando i livelli della glicemia rimanevano al di sotto della soglia del diabete.

“Sebbene abbiamo scoperto che le persone le quali avevano livelli pre-diabetici di glucosio nel sangue non riportavano un rischio assoluto più elevato per le malattie cardiovascolari, sappiamo che molte persone sviluppano il diabete a meno che non adottino misure per ridurre i livelli di zucchero nel sangue”, ha detto Bancks. .

“Il nostro studio fornisce ulteriori prove del fatto che, se si riesce ad evitare il diabete, si può essere in grado di evitare malattie cardiovascolari. Il pre-diabete dovrebbe servire come una bandiera rossa per i medici per monitorare attentamente la glicemia del paziente e cercare di prevenire il diabete attraverso interventi sullo stile di vita come una migliore alimentazione, dieta e aumento dell’attività fisica e, se necessario, con terapie farmacologiche “.

Categorie:Batticuore

Con tag: