Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Meno della metà degli adulti e dei giovani con diabete di tipo 1 negli Stati Uniti raggiungono obiettivi di trattamento

pamula133 / Pixabay

Un nuovo studio ha dimostrato che solo una minoranza di pazienti negli Stati Uniti con diabete di tipo 1 (T1D) raggiunge livelli target di emoglobina A1c, una misura della gestione della glicemia nel tempo. Infatti, i livelli di HbA1c sono aumentati nei giovani adulti e adolescenti nel 2016-2018 rispetto al 2010-2012, secondo lo studio pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics (DTT), una rivista peer-reviewed di Mary Ann Liebert, Inc., editori. Clicca qui per leggere l’articolo full-text gratuito sul sito web di Diabetes Technology & Therapeutics (DTT) fino al 22 febbraio 2019.

Nell’articolo intitolato “Stato del diabete di tipo 1, gestione e risultati del T1D Exchange nel 2016-2018”, Nicole Foster e Roy Beck, MD, PhD, Jaeb Center for Health Research (Tampa, FL) e Satish Garg, MD, University of Colorado Denver (Aurora) per la T1D Exchange Clinic e un team di ricercatori presentano il primo studio di 5 anni sui risultati del registro T1D Exchange dell’Helmsley Charitable Trust. Oltre a riferire sui livelli di HbA1c, i ricercatori hanno discusso l’utilizzo della tecnologia per la cura del diabete e vari aspetti della gestione della patologia, del controllo metabolico e della complicazione acuta del T1D.

Pubblicità e progresso

“Nonostante la disponibilità di analoghi di insulina più recenti e un maggiore uso di pompe di insulina e CGM negli Stati Uniti, i livelli medi di A1c per i pazienti con diabete di tipo 1 sono aumentati negli ultimi 5 anni e solo 1 su 5 pazienti raggiungono livelli A1c target di ADA” Dice Editor-in-Chief DTT e co-autore dell’articolo, Satish Garg, MD, Professore di Medicina e Pediatria presso l’Università del Colorado Denver (Aurora). “Soprattutto tutti questi dati rappresentano 30.000 pazienti seguiti nei principali centri negli Stati Uniti”.

Chissà in Italia come và?