Ricerca

Possibile collegamento tra il vaccino contro il rotavirus e il declino del diabete di tipo 1

La distruzione immuno-mediata delle isole produttrici di insulina nel pancreas è la causa del diabete di tipo 1. Ancora dall’animazione WEHI-TV “Insulin Production and Diabetes Type 1”

Un nuovo numero di bambini con diagnosi di diabete di tipo 1 potrebbe essere associato all’introduzione della vaccinazione routinaria contro rotavirus nei neonati australiani, secondo un nuovo studio dei ricercatori di Melbourne.

I ricercatori hanno studiato il numero di bambini australiani diagnosticati con diabete di tipo 1 dal 2000 al 2015 e scoperto che la diagnosi di diabete di tipo 1 nei bambini di età compresa tra 0 e 4 anni è diminuita dal 2007 – l’anno in cui il vaccino contro il rotavirus è stato introdotto come vaccinazione di routine.

Questa è la prima volta che il tasso di diabete di tipo 1 nei bambini piccoli in Australia è diminuito dagli anni ’80. Pur non collegando in modo definitivo il vaccino contro il rotavirus con la protezione versus il diabete di tipo 1, la scoperta si basa su precedenti ricerche che suggeriscono come l’infezione naturale da rotavirus può essere un fattore di rischio per il diabete di tipo 1.

Lo studio, una collaborazione condotta dal Murdoch Children’s Research Institute e dagli scienziati medici Walter ed Eliza Hall Institute, è stato pubblicato oggi su JAMA Pediatrics.

Diminuzione del diabete di tipo 1

Dagli anni ’80, l’incidenza del diabete di tipo 1 è aumentata costantemente in Australia e nel mondo, ma le ragioni di questo incremento sono poco conosciute. Il diabete di tipo 1 è una grave malattia autoimmune permanente, in cui il sistema immunitario distrugge le cellule del pancreas produttrici d’insulina, un ormone che controlla il livello di glucosio nel sangue.

Analizzando il numero di bambini australiani con diagnosi di diabete di tipo 1 ogni anno dal 2000, il gruppo di ricerca ha osservato che dopo il 2007 il tasso di diabete di tipo 1 diminuiva nei bambini di 0-4 anni, ha detto il dott. Kirsten Perrett della Murdoch Children’s Research Istituto.

“La significativa riduzione del diabete di tipo 1 che abbiamo rilevato nei bambini piccoli dopo il 2007 non è stata osservata in quelli di età compresa tra 5 e 14 anni, il che suggerisce come i bambini potrebbero essere stati esposti a un fattore protettivo che non ha avuto impatto su quelli più grandi”. Disse Perrett.

“Abbiamo osservato che il declino del tasso di diabete di tipo 1 nei bambini nati dopo il 2007 ha coinciso con l’introduzione del vaccino contro il rotavirus orale all’interno del Programma di immunizzazione nazionale australiano nel 2007.”

Il vaccino contro il rotavirus viene somministrato di routine ai bambini australiani di età compresa tra 2 e 4 mesi per proteggerli da una grave forma di diarrea potenzialmente letale.

Esplorando la connessione

Il professor Len Harrison del Walter and Eliza Hall Institute, l’autore senior dello studio, ha detto che la scoperta è il risultato di precedenti ricerche che hanno implicato l’infezione da rotavirus nello sviluppo del diabete di tipo 1.

“Vent’anni fa il nostro team ha rivelato un’associazione tra la comparsa di marcatori immunitari del diabete di tipo 1 nei bambini e l’infezione da rotavirus. Studi successivi in modelli di laboratorio hanno suggerito che l’infezione da rotavirus delle cellule pancreatiche può scatenare un attacco immunitario contro le cellule produttrici di insulina – simile a cosa succede nel diabete di tipo 1 “, ha detto.

“Anche se non è conclusivo, il nostro ultimo studio suggerisce come prevenire l’infezione da rotavirus nei bambini australiani mediante vaccinazione può anche ridurre il rischio di diabete di tipo 1. Continueremo questa ricerca per esaminare più da vicino la correlazione, confrontando i registri sanitari dei bambini piccoli con o senza diabete di tipo 1.

“In questa fase non sappiamo ancora se la riduzione del diabete di tipo 1 sia un effetto permanente o transitorio, e potrebbe essere rilevante solo per i bambini australiani”, ha detto il professor Harrison.