Topolinia, vapori e fantascienza

Gli esperti medici “suonano l’allarme” sulla disinformazione medica

“Fake news alias notizie false” è diventato un termine popolare in questi giorni. Ma quando si tratta di consigli medici, le notizie false possono provocare danni fisici, persino la morte.

I redattori di oltre due dozzine di riviste scientifiche relative alla cardiologia in tutto il mondo hanno pubblicato un editoriale lunedì per “dare l’allarme: le vite umane sono in pericolo” a causa della disinformazione medica.

Questi medici descrivono regolarmente l’incontro con pazienti esitanti a prendere farmaci potenzialmente salvavita o aderire ad altri trattamenti prescritti a causa di qualcosa che leggono online. O sentito da amici. O visto in televisione.

“C’è un’inondazione di cattive informazioni su Internet e sui social media che feriscono gli esseri umani”, ha detto il dottor Joseph Hill, principale autore del saggio e redattore capo della rivista Circulation della American Heart Association. “Non è solo un fastidio, in realtà mette le persone in pericolo.”

L’esempio principale illustrato nell’editoriale è l’uso di statine, un medicinale per abbassare il colesterolo che può ridurre l’infarto e il rischio di ictus in alcune persone. Ma i medici dicono che troppi dei loro pazienti evitano di assumere statine a causa di cattive informazioni che hanno raccolto spesso da politici, celebrità e altri che non hanno esperienza medica.

“Crediamo nella scienza aeronautica quando saliamo a bordo di un aereo, crediamo che la scienza sia sepolta all’interno dei nostri cellulari, crediamo nella scienza dell’ingegneria meccanica quando attraversiamo un ponte, eppure molti sono eccezionalmente scettici nei confronti della scienza biologica”, scrivono i medici nel loro saggio.

Un altro esempio evidenziato è la preoccupazione “del tutto infondata” che i vaccini causano l’autismo, un’affermazione che è stata sfatata da 17 principali studi.

Alcuni pazienti pensano che i medici siano motivati ??da un guadagno finanziario, arrivando addirittura a sostenere che i medici ottengono tangenti per prescrivere determinati farmaci, ha detto Hill, il capo cardiologo dell’UT Southwestern Medical Center di Dallas.

“La mia pratica nel corso degli anni è stata quella di dire: ‘La tua compagnia di assicurazioni mi sta pagando per darti il ??miglior consiglio basandomi sulla scienza moderna, sei libero di accettarlo o rifiutarlo. Spero che tu lo accetti, e io sono felice di fornirti prove che sostengano le raccomandazioni, ma alla fine, è la tua vita e il tuo corpo “, ha affermato Hill.

Il Dr. Haider Warraich, un cardiologo che ha recentemente scritto sui pericoli della disinformazione medica in un saggio del New York Times intitolato “Il dottor Google è un bugiardo”, ha detto che il consulto deve essere personale per convincere un paziente con infarto ad accettare il medesimo.

La paziente, una giovane donna che era sana, colesterolo altissimo a parte, si era rifiutata di prendere una statina che un altro medico aveva precedentemente prescritto. Accettò di provare la statina solo dopo che Warraich gli disse, a seguito dell’infarto che colpì suo padre, di esortare i dottori a iniziare con la più alta dose di statine possibile per suo padre.

Poiché i benefici del farmaco e i consigli appropriati sono spesso invisibili, può essere difficile per i pazienti vedere come li influenza, ha detto Warraich.

“Se hai una frattura, o qualcosa che ti succede che è viscerale, non hai intenzione di prendere un’erba per aggiustarlo. Andrai da un chirurgo per ripararlo e il tuo dolore migliorerà” Egli ha detto. “Ma quando si tratta di qualcosa che impedisce il rischio di un ictus o infarto futuro, o altro come un vaccino che non ti fa sentire subito meglio ma è supportato da dati molto robusti, non è così chiaro di fronte a te.”

Nel loro editoriale, i medici dicono che i media tradizionali hanno qualche responsabilità nel risolvere il problema.

“È facile trovare una voce canaglia ma inappropriata per suggerire come il richiamo abbia lo stesso peso di quella che emerge dalla scienza mainstream”, scrivono.

Hill ha detto che i leader di Facebook e altre piattaforme di social media devono anche aiutare a trovare una soluzione.

“Stiamo cercando di evidenziare la realtà del danno che i social media possono anche fare ai nostri pazienti”, ha affermato. “Spero che possiamo chiarire come questa è una questione di vita o di morte per molti pazienti”.