Vivo col Diabete

Finché la diabete va lasciala andare

Frittelle allo zabaione ready for us

“Nato con il diabete ai bordi di periferia di una italiana diabetologia”, recitava il filosofo Norberto Ovvio, “dove ti facevano la glicemia e niente più, dove l’aria è popolare ammucchiati ad aspettare quel Godot che non arriva mai”. 

Come ho scritto e pubblicato qualche giorno fa: per settembre, ottobre di quest’anno termino il presenzialismo e la fornitura di idee e progetti dal vivo e limiterò i contributi nell’attività editoriale del blog per quanto riguarda il diabete. Ringrazio quanti si sono prodigati nell’aiutarmi in questi mesi, dalle poche ma buone colleghe di questo spazio d’informazione, così come quanti si sono spesi per non sostenerci, anzi ostacolarci.

Spiace solo constatare che, quando si fanno iniziative, di successo, per sostenere la buona causa dei diabetici e di quanti li curano ci si trova soli e magari occorre fare debiti per realizzare questi eventi, esempi? L’appuntamento tenutosi lo scorso 19 gennaio 2019 “I Diritti del diabetico” ha visto la pressoché totale assenza di tutti i medici e operatori sanitari delle diabetologie bolognesi, mentre per il prossimo evento che si terrà a Bologna il 23 marzo 2019 Diabeteasy praticamente zero e zero scarabocchio di aiuto.

Anche le esperienze negative sono, a loro modo, educative e proprio grazie a queste ho imparato che è meglio fare qualche evento sportivo tipo la corsetta attorno a casa, uno o due selfie neopositivisti con adattamenti foto iconografici per avere un riscontro, se poi è un video ancora meglio, a Granarolo dell’Emilia ci sono tante opportunità e location per tali scopi.

Infine, per quanto riguarda il blog entro la fine di febbraio decolla l’operazione “cuori teneri”: per non urtare la sensibilità dei lettori determinati argomenti postati nel blog saranno accessibili solo a pagamento e previa verifica dell’identità del soggetto richiedente.

Infine un grazie sentito a Sanofi, Novonordisk, Ely Lilly, Menarini, Dexcom, BD, Artsana, AstraZeneca, Takeda  e tanti altri.

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:,