Counseling/consulenze

Il diabete tipo 2 ad esordio giovanile legato a un più alto rischio di ospedalizzazione per malattia mentale prima dei 40 anni

Il diabete a insorgenza giovanile, che è definito come un esordio prima dei 40 anni, è associato a un rischio maggiore di ospedalizzazione per malattia mentale rispetto a quelli che sviluppano il diabete più tardi nella vita. Quelli con diabete ad esordio giovanile hanno anche dovuto affrontare un numero crescente di ricoveri per qualsiasi motivo nel corso della loro vita. I risultati di uno studio di coorte basato sulla popolazione sono pubblicati su Annals of Internal Medicine.

Il diabete a insorgenza giovanile è un fenotipo eterogeneo e aggressivo associato ad un aumentato rischio di morte e complicanze rispetto al diabete ad insorgenza adulta. La sua prevalenza è in rapido aumento in tutto il mondo, specialmente nelle popolazioni asiatiche, dove 1 adulto su 5 con diabete di tipo 2 ha una malattia ad insorgenza giovanile. Il diabete a esordio giovanile è associato a fattori di rischio scarsamente controllati , tuttavia il suo effetto sui tassi di ospedalizzazione non è noto.

I ricercatori della Chinese University of Hong Kong hanno esaminato due grandi coorti di adulti cinesi con diabete di tipo 2 per determinare gli effetti dell’età all’inizio e dei fattori di rischio modificabili durante il ricovero nel corso della vita lavorativa, o di età compresa tra 20 e 75 anni. , i ricercatori hanno calcolato i tassi di ospedalizzazione per entrambe le coorti. Si è scoperto che gli adulti con diabete ad esordio giovanile hanno avuto un’eccessiva ospedalizzazione nel corso della loro vita rispetto alle persone con diabete ad insorgenza abituale, ma hanno anche scoperto un legame precedentemente sconosciuto tra diabete in giovane età e ospedalizzazione per malattia mentale .

Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che gli sforzi per prevenire il diabete precocemente nella vita sono cruciali. Inoltre, vi è un urgente bisogno di trovare il modo di controllare i fattori di rischio cardiometabolico concentrandosi sulla salute mentale.