Diritti e rovesci

Lavoro e diabete: effetti sul compenso glicemico

Lunghe ore di lavoro legate ad un cattivo controllo glicemico nel diabete tipo 2.

Le lunghe ore di lavoro (?60 ore / settimana) sono associate a scarso controllo glicemico nei giovani uomini giapponesi con diabete di tipo 2, secondo uno studio pubblicato nel numero di gennaio del Journal of Diabetes Investigation.

Yasushi Azami, dell’ospedale Jouhoku di Kanazawa, in Giappone, e colleghi hanno valutato le associazioni tra condizioni di lavoro, abitudini alimentari e controllo glicemico tra i lavoratori giapponesi con diabete di tipo 2 (352 uomini e 126 donne di età compresa tra 20 e 40 anni).

I ricercatori hanno scoperto che il controllo glicemico subottimale nei lavoratori maschi era associato a una durata della malattia di ?10 anni (odds ratio [OR], 2,43), livello di emoglobina glicosilata ?7 percento al basale (OR, 8,50), saltando la colazione e avendo un ritardo nei  pasti serali (OR, 2,50) e lavoro ?60 ore / settimana (OR, 2,92). Nelle lavoratrici, il controllo glicemico subottimale era associato a un livello di emoglobina glicosilata ?7% al basale (OR, 17.96), alla terapia con agenti iperglicemici orali (OR, 12.49) e alla terapia insulinica (OR, 11.60).

“Per mantenere livelli di glicemia vicini alla norma, sono necessari interventi per ridurre gli stili di vita non salutari e una riduzione dell’orario di lavoro”, scrivono gli autori.