Tecno

Novo Nordisk lancia la sfida: accelera il progresso della tecnologia per il diabete

Zazu70 / Pixabay

Mentre il panorama nella cura del diabete continua a cambiare, in particolare con i progressi tecnologici, Novo Nordisk e MATTER hanno nominato i vincitori della Novo Nordisk Challenge 2018-2019 a dicembre. La sfida, che è stata annunciata per la prima volta a settembre, ha affidato agli sviluppatori la creazione di piattaforme che potrebbero essere combinate con gli iniettori a penna di Novo Nordisk per migliorare la cura del diabete.

“Non possiamo necessariamente fare tutto da soli in casa”, Amy West, direttore senior statunitense del marketing incentrato sul paziente per Novo Nordisk . “È importante per noi andare nelle comunità di startup di imprenditori e costruire reti per vedere cosa sta succedendo, quindi se c’è l’opportunità per noi di collaborare e sfruttare le capacità e le competenze degli altri possiamo creare delle sinergie per le persone che stanno cercando di gestire meglio il loro diabete.”

Adelie Health, HumanCapitalWorks, Medopad, Simple C e Xbird sono stati selezionati come vincitori da un gruppo di 12 semifinalisti che hanno presentato le loro proposte ad una giuria di Novo Nordisk in una presentazione alla Harvard Medical School a dicembre. Le proposte sono state valutate in base a come erano orientate verso il paziente e innovative, nonché alla loro facilità d’uso e scalabilità. Ogni azienda vincitrice ha ricevuto $ 25.000 e un invito a prendere parte a un programma di sviluppo accelerato, che include l’accesso concentrato e il supporto dei mentori di Novo Nordisk e MATTER.

La piattaforma di Simple C è stata sviluppata in collaborazione con JEMS Telehealth e l’American Association of Clinical Endocrinologists. Usando una versione modificata della loro applicazione Companion, originariamente sviluppata per il trattamento della demenza ed è attualmente disponibile su dispositivi Apple e Android, Simple C e JEMS Telehealth hanno creato una piattaforma che fornisce “spinte comportamentali” agli utenti, ricordando loro di assumere i farmaci, idratarsi o svolgere altre attività associate alla cura quotidiana. La piattaforma sarà ulteriormente modificata per il mercato della cura del diabete, che potrebbe includere l’integrazione con gli iniettori penna di Novo Nordisk.

“La nostra soluzione si basa nell’aiutare gli anziani a mantenere una routine quotidiana salutare e a stimolare l’umore e i ricordi positivi senza l’uso di ulteriori farmaci”, ha detto Kevin Lasser, CEO di JEMS Telehealth. “Essere stati” validati “da Novo Nordisk per la nostra piccola azienda (circa 30 persone) è incommensurabile.”

La proposta di Adelie Health era ancora più specifica per una potenziale incorporazione con iniettori di penne, ma non solo da Novo Nordisk. L’azienda con sede nel Regno Unito sta sviluppando un cappuccio sostitutivo per penna che può interagire con dispositivi intelligenti tramite Bluetooth per fornire promemoria, allarmi e l’utilizzo del sistema.

I dispositivi intelligenti erano una parte importante della proposta di xBird, poiché la società utilizzerà l’apprendimento automatico per “creare una mappa di viaggio del giorno di una persona”, con particolare attenzione ai periodi di ipo e iperglicemia.

Con sede a Londra, Medopad punta a utilizzare la sua esperienza nella tecnologia sanitaria per creare un’applicazione di monitoraggio remoto volta a migliorare la relazione tra medici e pazienti, migliorare il controllo glicemico e rilevare potenziali problemi prima che si sviluppino. L’applicazione modulare può essere configurata per il diabete di tipo 1, il diabete di tipo 2 e le comorbilità associate.

“Ai pazienti diabetici viene attualmente offerta una varietà di soluzioni digitali e applicazioni complementari per consentire loro di gestire meglio la ptopria malattia. L’aspetto negativo di tutte queste opzioni è che il paziente diventa inevitabilmente inondato da un numero consistente di strumenti digitali che usano per l’auto-gestione,” James Richards di Life Sciences Partnership a Medopad, ha detto. “Usando la nostra tecnologia basata su di una gaming platform possiamo integrare innovazioni, dispositivi e sensori di salute digitale di terze parti per sviluppare una soluzione armonizzata nell’autogestione del diabete. Questo approccio olistico ci consentirebbe di sviluppare uno strumento digitale meno intrusivo che funge da unica applicazione sul telefono / tablet del paziente per la gestione del diabete.”

Infine, Emmett di HumanCapitalWorks è un programma rivolto specificamente al diabete di tipo 1 e utilizzerà l’Internet of Things (IoT) insieme a un flusso continuo di dati per aiutare nel processo decisionale e nella gestione della malattia.

Disclosures: Lasser riporta di essere CEO di JEMS Telehealth. Richards riferisce di essere un dipendente di Life Sciences Partnerships presso Medopad. West riferisce di essere la direttrice senior statunitense del marketing centrato sul paziente per Novo Nordisk.

Categorie:Tecno

Con tag:,