Dai media e web

Supporto tra pari attraverso una comunità di social media per il diabete tipo 1

geralt / Pixabay

I caregivers e gli individui che vivono con il diabete di tipo 1 (T1D) membri di “CGM in the Cloud”, un gruppo di Facebook associato al progetto Nightscout, sono stati intervistati per valutare come la comunità online ha avuto un impatto sul sostegno tra pari.

Interviste qualitative semistrutturate sono state condotte con caregiver e pazienti che fanno parte di nel gruppo Facebook CGM in the Cloud. Le trascrizioni dell’intervista sono state analizzate per identificare vari temi relativi al supporto tra pari nel gruppo online.

I membri del gruppo Facebook hanno identificato il sostegno reciproco fornendo e ricevendo supporto tecnico, emotivo e medico, oltre a restituirlo alla comunità in modo più ampio in avanti. Il sostegno tra pari si estendeva anche oltre il forum online, collegando le persone di persona, indipendentemente dal fatto che fossero locali o in tutto il paese.

Una comunità online può fornire molte opportunità di supporto tra pari attraverso il supporto emotivo e tecnico, oltre a fungere da strumento di empowerment. Anche la comunità nel suo insieme aveva uno spirito di altruismo che rafforzava la fiducia negli altri e in coloro che l’avevano ripagata.

Lo studio condotto dal Centro di valutazione e ricerca sull’infanzia, Università del Michigan, è pubblicato sulla rivista  Journal of Diabetes Science and Technology del 2 gennaio 2019.