Ricerca

Terapie che modificano le malattie nel diabete di tipo 1: uno sguardo al futuro della pratica del diabete

La nuova comprensione che la presenza di autoanticorpi multipli delle isole, i quali indicano l’autoimmunità delle stesse, porta inevitabilmente al diabete mellito di tipo 1 (T1DM) ha reso necessario lo sviluppo di un nuovo sistema di classificazione di staging per la condizione. 

Accoppiato con una migliore comprensione del decorso della malattia, la consapevolezza che il T1DM sembra essere più eterogeneo di quanto si riteneva in precedenza ha portato a opportunità uniche per sviluppare terapie più mirate che possono essere applicate anche prima dell’insorgere di disglicemia o sintomi. 

Ad oggi, sono state sperimentate diverse terapie per ritardare o arrestare la progressione della malattia sia in T1DM presintomatico che clinico, ciascuna dimostrando vari gradi di efficacia, tossicità e utilità. 

La ricerca chiave supporta l’eventuale implementazione dell’immunoterapia nel diabete autoimmune, potenzialmente richiedendo un cambio di paradigma tra i fornitori di cure.

Il report è stato curato dai studiosi dell’Istituto di ricerca Benaroya, Seattle, WA, USA.e Pubblicato su drugs del 5 gennaio 2019

Categorie:Ricerca

Con tag:,,