Terapie

Pillola con mini aghi somministra l’insulina – per i pazienti con diabete di tipo 2

Il dispositivo delle dimensioni di un pisello produce una microiniezione dall’interno dello stomaco.

Boston, MA – Per quasi un secolo, i pazienti con diabete si sono basati sull’insulina iniettabile per gestire la loro condizione. E per quasi tutto il tempo, i ricercatori hanno cercato un modo per somministrare oralmente insulina. Mentre le iniezioni di insulina possono essere salvavita, sono spiacevoli, ingombranti e sempre più costose per i pazienti, quindi gli operatori sanitari spesso ritardano la prescrizione di iniezioni di insulina a favore di farmaci orali meno efficaci. Un team di investigatori del Brigham e Women’s Hospital, MIT e Novo Nordisk ha aperto la strada a un nuovo approccio che porta una formulazione orale di insulina che può essere ingerita piuttosto che iniettata un passo più vicino nella pratica clinica. Con il finanziamento e in collaborazione con scienziati di Novo Nordisk, il team ha sviluppato un microago ingestibile che può iniettare l’insulina nel rivestimento dello stomaco in un modello animale di grandi dimensioni. I risultati sono pubblicati su Science.

“Il lavoro descritto costruisce ed è motivato da alcune osservazioni cliniche critiche, tra cui, quando un farmaco viene iniettato nella parete dello stomaco che il farmaco può essere distribuito attraverso il corpo molto rapidamente. Inoltre, riconosciamo che lo stomaco è insensibile al dolore acuto e molto tollerante verso oggetti piccoli e taglienti “, ha detto l’autore co-corrispondente C. Giovanni Traverso, MB, BChir, PhD, gastroenterologo della Divisione di Gastroenterologia della Brigham.

Traverso e colleghi hanno dovuto superare diverse sfide, tra cui la navigazione in condizioni estreme di pH, strati di muco spessi, temperatura e orientamento affidabile per il microago per iniettare nel rivestimento dello stomaco. Il loro dispositivo ingestibile, noto come applicatore di scala millimetrica auto-orientante, o SOMA, è ispirato alla tartaruga leopardo auto-orientata, una specie che può rovesciarsi da sola quando è sulla sua schiena. La forma e la distribuzione della densità di SOMA sono state ottimizzate in modo che il microago possa atterrare nello stomaco con lo stesso orientamento ogni volta. Circa la dimensione di un pisello, il SOMA ospita un ago fatto di insulina e la sua iniezione è controllata da una molla che è tenuta in posizione da un disco di zucchero. Il disco di zucchero reso consente all’umidità nello stomaco di fungere da innesco della microiniezione. E l’ago d’insulina solido consente l’erogazione di una dose sufficiente del farmaco. Le sue dimensioni e la composizione del materiale sono simili ai dispositivi ingestibili approvati dalla FDA.

“I principi scientifici alla base del sistema SOMA, e il sistema stesso, hanno il potenziale per consentire il rilascio orale di molecole di grandi dimensioni come peptidi, proteine ??e acidi nucleici”, ha detto l’autore co-corrispondente Robert Langer, Professore dell’Istituto della Divisione Harvard-MIT di Scienze e tecnologie della salute. “Questa scoperta ha il potenziale per trasformare non solo la somministrazione di farmaci, ma anche la scoperta di farmaci, dal momento che la maggior parte degli attuali sforzi di scoperta di nuovi medicamenti mirano a creare piccole molecole farmacologiche che i pazienti possono assumere per via orale”.

Usando i maiali come sistema modello, il team ha somministrato microaghi caricati con 0,3 mg di insulina umana combinata con poli (etilene) ossido (PEO). Hanno poi misurato la quantità della combinazione insulina / PEO introdotta nel sangue e anche misurato i livelli di glucosio nel sangue in cinque animali. Il team ha riscontrato una marcata diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue, con livelli di farmaco attivo simili nel sangue come quando l’insulina è stata iniettata per via sottocutanea in cinque controlli. Il team non ha visto segni di danni ai tessuti o anomalie dalle iniezioni di stomaco, nessun segno di sofferenza e nessun cambiamento nei modelli di alimentazione o di feci.

È importante sottolineare che gli autori notano come il SOMA ha lavorato solo sugli animali a digiuno. Notano inoltre che saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare gli effetti cronici delle iniezioni gastriche quotidiane.

“Mentre è necessario uno studio supplementare, SOMA rappresenta una piattaforma con il potenziale per fornire una moltitudine di farmaci.I nostri risultati sono incoraggianti e giustificano un’ulteriore valutazione di questa tecnica per la somministrazione orale di insulina e altri farmaci”, ha detto Traverso.

Categorie:Terapie

Con tag: