Batticuore

Prevalenza CAD (patologia coronarica) non diagnosticata elevata nel diabete di tipo 1 a lungo termine

geralt / Pixabay

I livelli di colesterolo LDL e HbA1c negli adulti con diabete di tipo 1 possono essere associati a malattia coronarica, che è molto diffusa negli anziani con diabete di tipo 1, secondo i risultati pubblicati sul Journal of Diabetes and its complications.

“Le persone con diabete di tipo 1 vivono molto più a lungo oggi. C’è un’alta prevalenza di malattie cardiovascolari nel diabete di tipo 1 a lungo termine. Tuttavia, la prevalenza di CAD non diagnosticata in questo gruppo non è nota, ” Kristine Bech Holte, MD , ricercatrice nel dipartimento di endocrinologia, obesità patologica e medicina preventiva dell’Ospedale universitario di Oslo in Norvegia, e colleghi hanno scritto. “La patofisiologia, l’età della diagnosi, il profilo lipidico e le caratteristiche dell’aterosclerosi coronarica differiscono tra diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2. Pertanto, è essenziale studiare il CAD in soggetti con diabete di tipo 1 piuttosto che estrapolare dati da studi su diabete di tipo 2, per guidare il processo decisionale clinico.”

Holte e colleghi hanno reclutato partecipanti dallo studio Dialong, che comprendeva adulti con diabete di tipo 1 i quali erano stati diagnosticati presso il Norwegian Diabetics ‘Centre di Oslo, in Norvegia, prima del 1971 (n = 88, età media, 61,5 anni, BMI medio, 25,8 kg / m 2 ; 53% donne). I ricercatori hanno anche incluso un gruppo di controllo, composto principalmente da coniugi e amici dei partecipanti (n = 60, età media 62,3 anni, BMI medio, 25,5 kg / m 2 , 57% donne). I dati dello studio Dialong includevano valori di HbA1c tra il 1980 e il 2015 e valori di colesterolo LDL tra il 1983 e il 2015.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti ad angiografia coronarica CT per valutare lo stato CAD. La presenza di una stenosi con conseguente riduzione del lume di oltre il 50% in una o più arterie coronarie equivaleva a una CAD ostruttiva non diagnosticata. Se un partecipante non aveva alcuna placca nelle arterie coronarie, era considerato privo di CAD. Il CAD ostruttivo totale richiedeva precedenti cardiopatie coronariche o CAD ostruttiva. Infine, la CAD clinicamente significativa è stata caratterizzata da una stenosi che ha richiesto la terapia di rivascolarizzazione, hanno scritto i ricercatori.

La CAD ostruttiva non diagnosticata era più prevalente nel gruppo diabetico rispetto al gruppo di controllo (24% vs 10%; OR = 2,8; IC 95%, 1,06-7,5). La prevalenza era anche più alta per la CAD ostruttiva totale nel gruppo diabetico rispetto al gruppo di controllo (35% vs 14%; OR = 3.22; IC 95%, 1.43-7.27). La CAD clinicamente significativa è stata identificata nel 12,5% del gruppo diabetico e nel 3% del gruppo di controllo (OR = 4,1; IC 95%, 0,88-19,4). Al contrario, il 50% dei partecipanti nel gruppo di controllo presentava CAD assente rispetto al 16% del gruppo diabetico (OR = 0,19, IC 95%, 0,09-0,41), secondo i ricercatori.

La CAD ostruttiva non diagnosticata era associata a media HbA1c (OR = 2,3; IC 95%, 1,13-4,69), mentre è stata scoperta una relazione inversa tra colesterolo LDL medio e CAD assente (OR = 0,12; IC 95%, 0,036-0,43).

“Il peggior controllo a lungo termine del colesterolo LDL è stato inversamente associato ad assenza di CAD, e HbA1c medio era associato a CAD ostruttiva non diagnosticata, a conferma dell’importanza del rigido controllo glicemico e lipidico nel diabete di tipo 1”, hanno scritto i ricercatori. “Il presente studio aggiunge anche l’argomento di valutare le persone con diabete a lungo termine tipo 1 con scarso controllo lipidico e glicemico per CAD ostruttiva con CT [angiografia coronarica].”

Categorie:Batticuore

Con tag:,