Mangiare

La qualità della dieta complessiva è fondamentale per ridurre il rischio di diabete di tipo 2

Coerente con studi in altre popolazioni, sono irisultati del primo studio locale, The Singapore Chinese Health Study, condotto da ricercatori dell’Università nazionale di Singapore (NUS) Saw Swee Hock School of Public Health e Duke-NUS Medical School che ha dimostrato come una dieta di alta qualità definita da un basso apporto di alimenti animali come la carne rossa e un’elevata assunzione di alimenti vegetali come verdure, frutta e cereali integrali e un ridotto consumo di bevande zuccherate potrebbero essere associati a un rischio ridotto di diabete.

La dieta è un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2. Studiare l’impatto dei singoli prodotti alimentari, tuttavia, non tiene conto degli effetti sinergici di cibi diversi consumati insieme. Quindi, gli scienziati hanno rivolto un’attenzione crescente allo studio degli schemi dietetici generali al fine di catturare l’effetto combinato di una varietà di gruppi alimentari.

Cinque modelli alimentari predeterminati originari delle popolazioni occidentali, ovvero la dieta mediterranea alternativa (aED, un adattamento internazionale della dieta omonima), l’Alternate Healthy Eating Index 2010 (AHEI-2010), la dieta per fermare l’ipertensione (DASH), l’indice dietetico a base vegetale (PDI) e l’indice dietetico dietetico a base di piante (hPDI), sono simili nell’essere ricchi di alimenti a base vegetale, compresi cereali integrali, verdure e frutta, noci e legumi e basso contenuto di carne rossa e zucchero – bevande zuccherate Questi schemi dietetici hanno dimostrato di ridurre il rischio di diabete e malattie cardiovascolari e sono considerati modelli dietetici di alta qualità.

Nidificati nello studio cinese sulla salute di Singapore, i ricercatori del NUS Saw Swee Hock School of Public Health e Duke-NUS Medical School hanno utilizzato i dati di 45.511 partecipanti di mezza età e anziani che non avevano il diabete durante il reclutamento tra il 1993 e il 1998. Dall’assunzione riportata Di 165 articoli alimentari, i partecipanti sono stati valutati su come i loro modelli di dieta erano simili alle cinque diete di alta qualità in termini di assunzione di alimenti e nutrienti specifici inclusi in questi modelli. I partecipanti sono stati seguiti per una media di 11 anni e sono stati segnalati 5.207 casi di diabete nelle successive interviste di follow-up.

Lo studio, recentemente pubblicato sull’American Journal of Epidemiology, ha rilevato che tutti e cinque i modelli dietetici di alta qualità erano inversamente associati al rischio di diabete. I partecipanti allo studio nel 20% dei punteggi più elevati per somiglianza con questi modelli dietetici sani hanno avuto una riduzione significativa del 16% – 29% nel rischio di diabete rispetto a quelli che erano nel più basso 20%. Tuttavia, questa riduzione del rischio è stata attenuata nei fumatori.

“I nostri risultati sono coerenti con studi condotti su altre popolazioni che una dieta di alta qualità definita da un’abbondanza di alimenti vegetali minimamente trasformati come cereali integrali, verdure, frutta, noci e legumi, ma limitato consumo di carne rossa e lavorata e bevande zuccherate erano significativamente associati con un minor rischio di diabete “, ha detto il professor Rob van Dam, NUS Saw Swee Hock School of Public Health, e autore senior della pubblicazione.

In uno studio collegato anche annidato in questo cinese di Singapore, pubblicato di recente sull’European Journal of Nutrition, i ricercatori hanno scoperto che sebbene il consumo di riso non fosse associato al rischio di diabete, la sostituzione di una porzione giornaliera di riso con carne rossa o pollame può  aumentare il rischio di diabete fino al 40 per cento. Al contrario, la sostituzione del riso con pane integrale potrebbe ridurre il rischio del 18%. “Questo è coerente con la raccomandazione di mantenere un modello alimentare sano scegliendo cibi sani per ridurre il rischio di malattie”, ha detto il professor Koh Woon Puay, Duke-NUS Medical School e ricercatore principale dello studio cinese di Singapore. “Quindi, sebbene un maggiore apporto di riso non fosse sostanzialmente associato ad un più alto rischio di diabete, mangiare più riso potrebbe ridurre l’assunzione di cereali integrali, il che potrebbe invece ridurre il rischio. E’ quindi consigliabile sostituire il riso con cereali integrali come pane integrale e riso integrale “.

Questi due studi locali riaffermano anche l’importanza di una dieta di qualità ed è in linea con l’obiettivo strategico dell’Health Promotion Board (HPB) di incoraggiare i singaporiani a seguire una dieta sana, equilibrata e di qualità mangiando cibi da tutti i gruppi alimentari, come frutta e verdura, cereali integrali, come riso integrale e pane integrale, carne e altro. Come parte di una dieta sana, HPB raccomanda anche che singaporiani limitino il consumo di sodio e zuccheri da cibi e bevande.

“Questi studi mettono in luce l’importanza di una dieta di qualità e sono tempestivi nel contesto dei risultati della recente National Nutrition Survey 2018, che HPB ha recentemente condiviso”, ha detto

Dott Annie Ling, Group Director of Policy, Research & Surveillance, HPB. “Il sondaggio ha mostrato miglioramenti graduali nelle abitudini alimentari di Singaporeans, nonché aree in cui la qualità della dieta potrebbe essere migliorata. Mentre i singaporiani consumano più cereali integrali, frutta e verdura, oltre a sostituire il grasso saturo con grassi insaturi, l’assunzione di zuccheri e sodio rimane un motivo di preoccupazione: è quindi importante continuare ad incoraggiare i Singaporiani a prestare attenzione agli alimenti che scelgono e alla qualità della loro dieta “.

Categorie:Mangiare

Con tag:,