Complicanze varie/eventuali

La qualità della vita è marcatamente compromessa dalle manifestazioni reumatiche e cutanee nei pazienti con diabete di tipo 1

Uno studio è stato condotto in Danimarca per stimare la prevalenza per tutta la vita delle manifestazioni cutanee correlate all’arto superiore del diabete e non acquisite in una popolazione rappresentativa di diabete di tipo 1 (T1D) e per identificare le associazioni tra queste condizioni e la qualità della vita.

Un questionario su queste complicazioni e misure di qualità della vita (World Health Organization-Five Well-Being Index [WHO-5]), depressione e carico specifico del diabete (aree problematiche nella scala Diabetes [PAID]) è stato inviato a tutti i T1D pazienti in una clinica danese (N = 583).

Pubblicità e progresso

Il tasso di risposta era del 68,6%. La prevalenza a vita di qualsiasi lesione del tessuto molle superiore era del 72%; la prevalenza di qualsiasi lesione cutanea era del 10,5%. La spalla e la vitiligine erano le manifestazioni più comuni degli arti superiori e della pelle, con una prevalenza rispettivamente del 53 e del 9,1%. Rispetto ai pazienti senza lesione cutanea, quelli con almeno una lesione cutanea presentavano più depressione (19 vs 33%; P <0,01) e punteggi WHO-5 inferiori. La spalla era associata a punteggi WHO-5 inferiori (P <0,001), più depressione (29 vs 14%, P <0,001) e un punteggio PAID più alto (P <0,01). Una diagnosi di sindrome del tunnel carpale era associata a un punteggio WHO-5 inferiore (P <0,001), un rischio più elevato di depressione (29 vs 16%, P <0,01) e un punteggio PAID più alto (P <0,001).

Le lesioni dei tessuti molli dell’arto superiore e le lesioni cutanee non acquisite specifiche del diabete sono molto comuni nei pazienti con T1D e sono fortemente associate a una ridotta qualità della vita e ad un aumentato rischio di depressione.

Studio pubblicato su Diabetic Therapy del 19 febbraio 2019.