Mangiare

Dieta vegana o mediterranea – cosa è meglio per la salute del cuore?

Una dieta sana può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache.

Le malattie cardiovascolari sono responsabili di oltre il 30% del numero totale di decessi in tutto il mondo e ogni anno viene diagnosticata la condizione a più persone. Nel 2015, più di 85 milioni di persone in Europa vivevano con malattie cardiovascolari.

Ma anche se il numero totale di persone che soffrono di malattie cardiovascolari aumenta, il numero di coloro che muoiono a causa di malattie cardiache e circolatorie è in costante declino. Questo perché le opzioni di trattamento, la qualità delle cure e l’accesso all’assistenza sanitaria sono notevolmente migliorate dalla metà del secolo scorso.

Anche se questo è sicuramente un segno positivo, significa che sempre più persone vivono con malattie cardiovascolari – che possono incidere seriamente sulla qualità della vita e mettere le persone a rischio di morte improvvisa.

Nel solo Regno Unito, i costi sanitari relativi alle malattie cardiache e circolatorie sono stimati a 9 miliardi di sterline l’anno, mentre nel complesso il costo per l’economia dell’UE è vicino ai 200 miliardi di sterline l’anno. Ha senso quindi che la prevenzione delle malattie cardiovascolari è considerata essere l’obiettivo numero uno per molti servizi sanitari nazionali in tutto il mondo.

La prevenzione include incoraggiare le persone a seguire una dieta più sanadiventare più attivi fisicamente e smettere di fumare. Tutti e tre possono offrire molteplici vantaggi, riducendo il rischio per una serie di malattie e condizioni e migliorando la qualità della vita.

Diete per un cuore sano

Per molte persone che affrontano una diagnosi di malattia cardiovascolare, la dieta è probabilmente una delle prime cose che potrebbero affrontare. Esistono molte diete salutari – molte delle quali associate a regioni o paesi, come il New Nordic– che promuove il consumo di  , cavoli, mele, bacche, pesce e selvaggina, tra le altre cose – i giapponesi – che sostiengono il consumo di riso, verdure cotte e sott’aceto, pesce, carne e fagioli di soia – e la dieta mediterranea.

La dieta mediterranea è una dieta equilibrata, che promuove il consumo di frutta e verdura oltre a pesce grasso,  , vino rosso, carni magre, noci e latticini a basso contenuto di grassi. È noto dalla fine degli anni ’50 che offre vantaggi cardioprotettivi e diversi studi grandi e meno importanti hanno confermato questi risultati da allora.

Poi c’è la dieta vegana – una dieta senza carne, che richiede astenersi da uova, latticini e miele. Per quanto riguarda la protezione delle malattie cardiovascolari, le prove disponibili sono limitate. Tuttavia, ciò che sappiamo suggerisce che i vegani a lungo termine hanno un colesterolo totale inferiore rispetto ai non vegani.

Cosa funziona meglio?

Il nostro team ha recentemente esaminato i benefici di diverse diete regionali e innovative – tra cui la nuova dieta nordicala dieta mediterranea, la dieta vegana e quelle ricche di nitrati – che si dice possano migliorare direttamente la salute del cuore. Abbiamo esaminato i loro effetti cardiovascolari sia a breve che a lungo termine.

In un recente studio abbiamo confrontato gli effetti a breve termine del Mediterraneo e la dieta vegana. I nostri risultati suggeriscono che, almeno a breve termine, la dieta mediterranea migliora significativamente la disponibilità di ossido nitrico nelle nostre vene e arterie – che è importante per mantenere la buona salute del nostro sistema vascolare. L’ossido nitrico è gravemente colpito dal processo di invecchiamento ed è fortemente correlato allo sviluppo delle malattie cardiometaboliche. Quindi, la maggiore disponibilità di ossido nitrico osservata è una notizia molto positiva.

Il nostro studio ha anche scoperto che la dieta vegana offre benefici nella riduzione dei livelli di colesterolo. D’altra parte, abbiamo scoperto che i partecipanti che seguivano la dieta vegana sembravano avere anche una riduzione di una serie di importanti micronutrienti – come vitamina B12 e iodio. Questo nonostante noi forniamo supplementi B12 ai partecipanti.

Questa è una constatazione seria: i micro-nutrienti sono vitamine e minerali di cui il nostro corpo ha bisogno in piccole quantità per funzionare correttamente, mentre sia la carenza di iodio che quella di vitamina B12 rappresentano un importante rischio per la salute.

La nostra raccomandazione

La ricerca ha dimostrato ripetutamente che le diete equilibrate sono spesso più benefiche a lungo termine – e il nostro lavoro punta fortemente nella stessa direzione. In ogni caso, è probabilmente meglio evitare di adottare diete che seguono le tendenze popolari e fare una scelta in base alle esigenze individuali.

È anche importante essere ben informati prima di apportare modifiche dietetiche. Questo perché in alcuni casi, un cambiamento nella dieta porta a deficit di micronutrienti e vitamine. Questo può creare un rischio per la salute, che supera i benefici.

Quindi, per quanto riguarda la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, il nostro lavoro suggerisce che probabilmente è meglio cercare una soluzione nella dieta mediterranea.

Questo significa mangiare più alimenti a base vegetale – come frutta e verdura, cereali integrali, legumi e noci. Dovresti anche cercare di sostituire il burro con grassi salutari come l’olio d’oliva, così come usare le erbe e le spezie invece del sale per aromatizzare gli alimenti. La carne rossa dovrebbe essere limitata a poche volte al mese, ma puoi mangiare pesce e pollame almeno due volte a settimana. Godersi i pasti con la famiglia e gli amici è anche una parte importante della dieta e della cultura mediterranea, così come il bere vino rosso con moderazione (anche se questa parte è facoltativa).

Categorie:Mangiare

Con tag:,