Mangiare

Le diete ad alto contenuto di grassi non favoriscono i batteri intestinali

Un pasto ad alto contenuto di grassi ti ha mai fatto sentire gonfio e pigro? Si scopre che una dieta grassa più pesante può far sì che i molti batteri viventi nel nostro sistema digerente non facciano del loro meglio.

Una nuova ricerca ha scoperto che quando le persone aumentano il loro apporto di grassi al 40% della loro dieta giornaliera per sei mesi, il numero di batteri “buoni” intestinali diminuisce mentre aumentano le quantità di batteri “inutili”.

“Il risultato dello studio ha dimostrato che una dieta ricca di grassi è legata a cambiamenti sfavorevoli nel tipo e nel numero di batteri intestinali, noti collettivamente come microbiomi”, ha affermato l’autore senior dello studio, Duo Li. È capo professore di nutrizione presso l’Institute of Nutrition and Health presso la Qingdao University di Qingdao, in Cina.

Oltre a modificare il make-up del microbioma, gli autori dello studio hanno anche notato un aumento dei trigger infiammatori nel corpo. Questi cambiamenti possono contribuire allo sviluppo di disturbi metabolici, come il diabete e le malattie cardiache, hanno osservato i ricercatori.

La nutrizionista Samantha Heller, della NYU Langone Health di New York, ha detto che i batteri nel sistema digestivo sembrano avere un impatto di vasta portata sulla salute umana e “mangiano ciò che mangiamo”.

“La ricerca suggerisce che prosperano sulle fibre vegetali – come quelle che si trovano in frutta e verdura, legumi, noci e cereali – e che la tipica dieta occidentale, ricca di grassi, carni rosse e lavorate, formaggi, dolci, cereali raffinati e i cibi spazzatura fritti, in un certo senso, li avvelena “, ha spiegato.

In Cina, dove è stato condotto lo studio, la dieta tradizionale è povera di grassi e ricca di carboidrati. Ciò, tuttavia, si è spostato su una dieta più ricca di grassi e più povera di carboidrati. Allo stesso tempo, sono aumentati anche i tassi di obesità e diabete di tipo 2, hanno affermato gli autori dello studio.

Per vedere se i cambiamenti si verificano nel microbioma dell’intestino quando le persone passano da una dieta a basso contenuto di grassi a una dieta ad alto contenuto di grassi, i ricercatori hanno reclutato circa 200 giovani, che non erano obesi, per lo studio. La loro età media era di circa 23 anni.

Il loro consumo medio di grassi prima dell’inizio dello studio era di circa il 31%.

I volontari dello studio sono stati collocati casualmente in uno dei tre gruppi per sei mesi. Un gruppo ha mangiato una dieta composta per il 20 percento di grassi, un altro ha mangiato il 30 percento delle calorie giornaliere dal grasso, mentre il terzo aveva una dieta grassa del 40 percento.

I ricercatori hanno modificato l’assunzione di carboidrati – cose come il riso e la farina di frumento – per compensare i cambiamenti nell’assunzione di grassi. La quantità di fibre e proteine ??nelle diete è rimasta essenzialmente la stessa.

Tutti e tre i gruppi hanno avuto una perdita di peso, ma il gruppo con meno grassi ha perso più peso e ha avuto le maggiori riduzioni della circonferenza della vita, del colesterolo totale e del colesterolo cattivo. Il gruppo di dieta a basso contenuto di grassi ha anche avuto un aumento dei batteri intestinali che sono stati collegati a livelli di colesterolo più bassi.

Quelli con la quantità più alta di grassi avevano un aumento di un diverso tipo di batterio – uno che è stato collegato a livelli di colesterolo più alti. La loro dieta è stata anche associata a cambiamenti “significativi” nel metabolismo degli acidi grassi a catena lunga, producendo livelli più alti di sostanze chimiche che si pensa possano scatenare l’infiammazione.

Li ha detto che i risultati possono essere rilevanti nei paesi sviluppati in cui l’assunzione di grassi è elevata, ma occorre effettuare ulteriori ricerche per verificare se si verificano cambiamenti simili in diverse popolazioni.

“Suggeriamo che l’assunzione di grassi per una popolazione generale sana non dovrebbe essere superiore al 30% dell’energia totale, almeno nelle popolazioni asiatiche”, ha detto Li, aggiungendo che la maggior parte del grasso dovrebbe provenire da grassi sani, come soia, arachidi o olio d’oliva.

Il nutrizionista Heller ha affermato che è importante non “interpretare i risultati di questo studio per suggerire che il grasso alimentare è malsano. Dobbiamo mangiare grassi in particolare per i grassi sani e insaturi”.

Ma, ha aggiunto, puoi avere troppe cose buone. “Le diete ricche di grassi animali – come” Keto “o” Paleo “nel tempo, rischiano di essere dannose per il microbioma intestinale e di conseguenza aumentare il rischio di infiammazione e malattie croniche”, ha detto Heller.

Per mantenere il tuo microbioma felice e sano, Heller consiglia di mangiare più verdure, legumi, frutta, cereali e noci, evitando le carni lavorate, limitando la carne rossa e il formaggio e bilanciare l’assunzione di grassi, carboidrati e proteine.

I risultati dello studio sono stati pubblicati online il 19 febbraio sulla rivista Gut.

Categorie:Mangiare, Ricerca

Con tag:,