Ricerca

Misurazione dei livelli di vitamina D non invasiva: nei capelli

Un nuovo studio condotto dai ricercatori del Trinity College di Dublino e dell’ospedale St James ha riportato per la prima volta che la vitamina D può essere misurata nei capelli umani. Il documento è stato pubblicato sulla rivista internazionale di nutrizione umana Nutrients, rivista peer-reviewe.

La carenza di vitamina D ha raggiunto proporzioni epidemiche in tutto il mondo, con oltre 1 miliardo di persone che si stima ne siano colpite. La carenza è stata collegata alla salute delle ossa, ma potrebbe anche essere un fattore di rischio per la depressione, le malattie cardiovascolari, l’infiammazione, il diabete e il cancro. Al momento, il modo migliore per valutare la vitamina D è misurare la concentrazione di vitamina D nel sangue. Tuttavia, questo può essere doloroso, richiede esperienza e formazione insieme a condizioni / attrezzature igieniche, pertanto ottenere un campione non è sempre praticabile. Inoltre, il risultato del sangue rappresenta lo stato di vitamina D in un singolo punto temporale, il che è problematico perché la vitamina D cambia con le stagioni: non è raro che qualcuno sia sufficiente in vitamina D in estate e molto deficiente in inverno.

Lo studio attuale è il primo al mondo a rendere evidente la possibilità di estrarre e misurare la vitamina D nei capelli umani . Questo è un importante passo avanti nella valutazione dello stato di vitamina D, potenzialmente una delle principali innovazioni nella misurazione della vitamina D. L’analisi del sangue tradizionale cattura solo un momento nel tempo; al contrario, i capelli , che crescono a circa 1 cm al mese, potrebbero riflettere lo stato di vitamina D per diversi mesi, catturando le grandi differenze stagionali nello stato di vitamina D.

Lina Zgaga, autrice principale dello studio, professore associato di Epidemiologia presso il Trinity College di Dublino, ha dichiarato:

“Questo studio presenta il primo passo verso lo sviluppo di un nuovo test per la valutazione dello stato di vitamina D nel tempo L’idea è che la vitamina D venga depositata continuamente nei capelli mentre cresce, più potrebbe essere depositata nei momenti in cui la sua concentrazione nel sangue è alta, e meno quando è basso, quindi, il test basato sul campione di capelli potrebbe essere in grado di fornire ai medici una misura dello stato di vitamina D nel tempo – se i capelli sono abbastanza lunghi, potrebbe anche esserlo nell’arco di pochi anni!

“Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire la relazione esatta tra la concentrazione di vitamina D nel sangue e nei capelli nel corso del tempo, inoltre dobbiamo studiare diversi fattori che potrebbero influenzare i livelli di vitamina D nei capelli, i più evidenti sono il colore e lo spessore dei capelli, o uso di prodotti per il bulbo come la tintura per capelli. ”

Nutrition Research Fellow, Trinity College di Dublino e co-autore Dr. Eamon Laird, ha aggiunto:

“Altre applicazioni potrebbero includere anche campioni storici provenienti da siti archeologici: i capelli (insieme ai denti) sono alcuni dei materiali biologici sopravvissuti più duraturi dopo la morte e quindi potrebbe essere possibile per la prima volta valutare lo stato di vitamina D delle popolazioni storiche – elisabettiani vichinghi, celtici, romani, cinesi antichi, ed egiziani. Analogamente, i campioni di capelli potrebbero essere utilizzati anche per valutare lo stato di vitamina D a lungo termine negli animali con applicazioni all’agricoltura. Lo stato di vitamina D delle specie antiche potrebbe essere misurato dato il buon stato di conservazione e abbondanti quantità di peli di mammut o di ghiaccio glaciale, ad esempio, che si trovano spesso nel permafrost riscaldato e negli esemplari da museo. ”

Il rettore del dipartimento di biochimica del St. James’s Hospital e il co-autore Dr. Martin Healy hanno detto:

“La presenza di vitamina D nei capelli potrebbe essere interpretata come una registrazione personale dello stato di vitamina D. Una conoscenza dello stato di vitamina D a lungo termine dell’individuo attraverso l’analisi dei campioni di capelli potrebbe consentire strategie migliori per mantenere una vitamina stabile e adeguata e concentrazioni su un periodo prolungato “.

“La scoperta che la vitamina D può essere misurata nei campioni di capelli apre potenzialmente un nuovo approccio agli studi epidemiologici relativi alle condizioni mediche da vitamina a ossea e non correlate all’osso che sono state associate alla sua carenza”.

Categorie:Ricerca

Con tag: