Terapie

I diabetici inglesi fanno scorta di insulina rispetto alle paure della Brexit

(AFP) 26-219- I diabetici e i fornitori di insulina in Gran Bretagna stanno accumulando scorte della preziosa medicina per evitare potenziali carenze nel caso in cui il regno Unito lasci l’Unione europea senza un accordo in poco più di un mese.

“Ho iniziato circa due mesi fa”, ha detto ad AFP David Burns, un insegnante di 37 anni che vive a Londra.

“Prendevo l’insulina una volta al mese, ora lo faccio una volta ogni due settimane e continuerò a farlo fino a quando non posso essere rassicurato sul fatto che sarà tutto OK.

“Ma è probabile che stiamo andando verso una Brexit senza accordo e il nostro Paese è in una posizione molto precaria”.

Molti dei 3,7 milioni di diabetici britannici, tra cui il primo ministro Theresa May, dipendono quasi interamente dalle importazioni di insulina dall’Europa continentale.

L’ormone, che di solito viene prodotto dal pancreas, aiuta i diabetici a regolare i loro livelli di zucchero nel sangue.

Una Brexit no-deal significherebbe quasi certamente ristabilire i controlli doganali e sanitari, che potrebbero portare a ritardi alla frontiera.

Londra e Bruxelles hanno entrambi dichiarato di volere evitare questo scenario, ma i nervi si stanno logorando mentre la data di partenza del 29 marzo incombe.

“Sicuramente sentiamo che le persone si stanno assicurando che le scorte siano un po’ più alte del solito”, ha detto ad AFP Robin Hewings, chief policy officer di Diabetes UK.

‘Si può interrompere l’offerta di medicinali’

Hewings ha minimizzato i timori di una “penuria nazionale” ma ha avvertito che potrebbero esserci problemi localizzati.

I fornitori in Gran Bretagna hanno cercato di superare il problema, oltrepassando la raccomandazione del governo di disporre di un inventario sufficiente per una durata di sei settimane.

Novo Nordisk, che fornisce oltre la metà dell’insulina utilizzata in Gran Bretagna, ha raddoppiato le sue riserve.

“Continueremo a rilasciare articoli prima del 29 marzo, quando prevediamo di avere circa due volte e mezzo i nostri normali livelli di scorte (circa 17 settimane) in previsione di una potenziale Brexit no-deal”, ha affermato il gruppo.

Il gruppo francese Sanofi, che produce insulina vicino a Francoforte, in Germania, ha pure fatto scorta di medicinale in Gran Bretagna, tra cui un quantitativo di insulina per 16 settimane.

L’azienda statunitense Eli Lilly, un altro produttore di insulina, ha affermato di aver “fatto tutto quanto è in suo potere per prepararsi per la Brexit”, ma ha avvertito che “circostanze al di fuori della nostra responsabilità possono disturbare l’offerta di farmaci”.

“Una Brexit senza accordo comporterebbe la completa e improvvisa dissociazione del Regno Unito da decenni di partnership con l’UE sulla regolamentazione dei farmaci e il monitoraggio della sicurezza dei farmaci”, ha aggiunto.

‘Una qualcosa che non voglio testare’

Diabetes UK e un altro gruppo, JDRF, hanno chiesto al governo di fornire maggiori dettagli sui suoi preparativi in ??caso di no-deal.

Sottolineano che oltre all’insulina, le persone con diabete usano altri farmaci e prodotti importati come aghi, pompe per insulina e dispositivi usati per misurare i livelli di glucosio nel sangue.

Il ministero della salute ha cercato di rassicurare le persone colpite e accolto favorevolmente gli sforzi dell’industria farmaceutica.

“Siamo fiduciosi che, se tutti fanno ciò che dovrebbero fare, la fornitura di medicinali sarà ininterrotta in caso di mancato accordo “, ha detto un portavoce del ministero all’Afp.

I piani del ministero comprendono consegne urgenti di farmaci di emergenza via mare e via aerea in caso di congestione alla frontiera.

Ma non tutti i pazienti sono confortati dalle parole del governo.

“Se non ho l’insulina, andrei immediatamente in ospedale perché, sai, potrei ammalarmi in pochi giorni e morire in poche settimane”, ha detto Burns.

“Questo è qualcosa che non voglio testare”.

Categorie:Terapie

Con tag:,