Mangiare

La strategia per perdere peso più efficace è davvero così difficile?

L’autocontrollo alimentare è percepito come oneroso e richiede tempo, ma in realtà molto meno di quanto si pensi in generale: una media di soli 14,6 minuti al giorno per i partecipanti di maggior successo in uno studio recente.

Un nuovo studio mostra che l’auto-monitoraggio della dieta richiede meno di 15 minuti al giorno

Se vuoi dimagrire, la ricerca mostra che il miglior predittore di successo è il monitoraggio e la registrazione dell’apporto calorico e di grassi durante il giorno – per “scrivere quando lo mordi”.

Ma l’auto-monitoraggio alimentare è considerata da molti così spiacevole e dispendioso in termini di tempo, molti aspiranti perdenti non riescono a raccogliere la forza di volontà per farlo.

Una nuova ricerca pubblicata nel numero di marzo di Obesity suggerisce che la realtà dell’autocontrollo alimentare può essere molto meno spiacevole della percezione.

Dopo sei mesi di monitoraggio del loro apporto dietetico, i partecipanti di maggior successo in un programma di perdita di peso comportamentale online hanno trascorso in media solo 14,6 minuti al giorno sull’attività. I partecipanti al programma hanno registrato le calorie e il grasso per tutti gli alimenti e le bevande che avevano consumato, così come le porzioni e i metodi di preparazione.

Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università del Vermont e dell’Università della Carolina del Sud, è il primo a quantificare il tempo impiegato con l’auto-monitoraggio alimentare effettivamente richiesto a coloro che perdono peso con successo.

“La gente lo odia, pensano che sia oneroso e terribile, ma la domanda che abbiamo fatto è stata: quanto tempo impiega davvero nell’autocontrollo alimentare?” ha detto Jean Harvey, presidente del Dipartimento di Scienze dell’alimentazione dell’Università del Vermont e autore principale dello studio. “La risposta è, non molto.”

Harvey e i suoi colleghi hanno esaminato le abitudini alimentari di autocontrollo di 142 partecipanti in un intervento di controllo del peso comportamentale online. Per 24 settimane, i partecipanti si sono incontrati settimanalmente per una sessione di gruppo online guidata da un dietologo esperto.

I partecipanti hanno anche registrato la loro assunzione giornaliera di cibo, lasciando dietro di sé un registro di quanto tempo avevano speso per l’attività e con che frequenza hanno effettuato l’accesso – informazioni che i ricercatori hanno estratto per il nuovo studio.

I partecipanti che hanno perso il 10% del loro peso corporeo – i membri di maggior successo della coorte – avevano trascorso in media 23,2 minuti al giorno sull’auto-monitoraggio nel primo mese del programma. Al sesto mese, il tempo era sceso a 14,6 minuti.

Breve ma frequente

Quello che era più predittivo del successo della perdita di peso non era il tempo dedicato al monitoraggio: quelli che impiegavano più tempo e includevano maggiori dettagli non avevano esiti migliori, ma la frequenza dei log-in, confermano le conclusioni degli studi precedenti.

“Quelli che si auto-monitoravano tre o più volte al giorno, ed erano coerenti giorno dopo giorno, riuscivano meglio”, ha detto Harvey. “Sembra essere l’atto dell’autocontrollo stesso che fa la differenza – non il tempo trascorso o i dettagli inclusi”.

Harvey attribuisce la diminuzione del tempo necessario per l’auto-monitoraggio alla crescente efficienza dei partecipanti nella registrazione dei dati e alla progressiva capacità del programma Web di completare automaticamente parole e frasi dopo l’immissione di poche lettere.

Il contributo più importante dello studio, ha detto Harvey, potrebbe essere quello di aiutare i potenziali perdenti in termini di peso a stabilire obiettivi comportamentali.

“Sappiamo che le persone fanno meglio quando hanno le giuste aspettative”, ha detto Harvey. “Siamo stati in grado di dire loro che dovevano esercitarsi 200 minuti a settimana, ma quando abbiamo chiesto di riportare tutti gli alimenti, non potevamo mai dire quanto tempo ci sarebbe voluto.

Con app di monitoraggio dietetico online quali: LoseIt, Calorie King e My Fitness Pal ampiamente disponibili, Harvey spera che i risultati dello studio motivino più persone ad adottare l’autocontrollo alimentare come strategia nella perdita di peso.

“È molto efficace e non è così difficile come la gente pensa”, ha detto.

La posta in gioco è alta. Gli ultimi dati federali mostrano che quasi il 40% degli adulti americani erano obesi nel 2015-16, rispetto al 34% nel 2007-08. L’obesità è legata a malattie croniche tra cui diabete di tipo 2, iperlipidemia, ipertensione, malattie cardiovascolari e cancro e rappresenta il 18% dei decessi tra gli americani tra i 40 e gli 85 anni, secondo uno studio del 2013.

Categorie:Mangiare, Terapie

Con tag:,