Batticuore

Con un nuovo allenamento di 5 minuti si migliora la pressione sanguigna e può aumentare la funzione cerebrale

Tom Heinbockel, studente di un master nel dipartimento di Fisiologia Integrativa presso l’Università del Colorado Boulder, dimostra l’utilizzo di un dispositivo Power Breathe. (Foto di Casey A. Cass / Università del Colorado)

I ricercatori dell’Università del Colorado lanciano la sperimentazione clinica esplorando l’allenamento per la forza muscolare inspiratoria (IMST)

BOULDER, Colo. 25 febbraio 2019  Potresti allenarti cinque minuti al giorno, senza sollevare un solo peso o fare un singolo passaggio di jogging, ridurre il rischio di attacchi di cuore, aiutarti a pensare in modo più chiaro e migliorare le tue prestazioni sportive ?

Le prove preliminari suggeriscono “sì”.

Ora, con una nuova borsa di studio del National Institute on Aging dell’Università del Colorado, i ricercatori di Boulder hanno lanciato una sperimentazione clinica per saperne di più sull’esercizio ultra-efficiente, noto come Inspiratory Muscle Strength Training (IMST).

“È come l’allenamento della forza, tranne che per i muscoli usati per inalare”, spiega Daniel Craighead, ricercatore nel dipartimento di Fisiologia Integrativa presso il College of Arts and Sciences.

“Sono solo 30 respiri, ci vogliono circa 5 minuti e finora sembra che sia molto utile per abbassare la pressione sanguigna e aumentare le prestazioni cognitive e fisiche”.

Sviluppato negli anni ’80 come mezzo per svezzare le persone critiche dai ventilatori, IMST prevede di respirare energicamente attraverso un dispositivo portatile – un istruttore muscolare ispiratore – che fornisce resistenza. Immagina di succhiare con forza attraverso una cannuccia che risucchia.

Durante l’uso precoce in pazienti con malattie polmonari, questi hanno eseguito un regime di 30 minuti a bassa resistenza al giorno per aumentare la loro capacità polmonare.

Ma nel 2016, i ricercatori dell’Università dell’Arizona hanno pubblicato i risultati di una sperimentazione per vedere se solo 30 inalazioni al giorno con maggiore resistenza potessero aiutare chi soffre di apnea ostruttiva del sonno, che tende ad avere muscoli respiratori deboli, a riposare meglio.

Oltre a un sonno più riposante e allo sviluppo di un diaframma più forte e di altri muscoli inspiratori, i soggetti hanno mostrato un effetto collaterale inatteso dopo sei settimane: la loro pressione arteriosa sistolica è crollata di 12 millimetri di mercurio. Si tratta di una diminuzione doppia rispetto all’esercizio aerobico e più di molti farmaci erogati.

Il professor Doug Seals , direttore del Laboratorio Integrativo di Fisiologia dell’Invecchiamento , osserva che la pressione sanguigna sistolica, la quale indica la pressione nei vasi quando il cuore batte, si insinua naturalmente mentre le arterie si irrigidiscono con l’età, portando a danni dei tessuti affamati di sangue e un superiore rischio di infarto, declino cognitivo e danno renale.

Mentre è stato chiaramente dimostrato che 30 minuti al giorno di esercizio aerobico riducono la pressione sanguigna, solo il 5% circa degli adulti soddisfa tale minimo, mostrano stime governative. Nel frattempo, il 65% degli adulti di mezza età ha un’alta pressione sanguigna sistolica.

Categorie:Batticuore, Ricerca

Con tag:,