Batticuore

Educazione alimentare alla fonte: in bottega

stevepb / Pixabay

L’ipertensione colpisce sempre più milioni di persone in tutto il mondo e meno della metà è sotto controllo. Un nuovo studio pubblicato nel Journal of Nutrition Education and Behavior ha rilevato che la consulenza nutrizionale basata sui negozi di alimentari è efficace nel cambiare le abitudini alimentari dei pazienti trattati per l’ipertensione.

“I fornitori di cure primarie affrontano molteplici ostacoli quando forniscono informazioni nutrizionali ai pazienti, inclusa la mancanza di formazione su come fornire consulenza sul comportamento di uno stile di vita combinato con la mancanza di tempo per interagire con il paziente”, ha detto l’autrice principale Rosanna P. Watowicz, PhD, RDN, LD , Dipartimento di Nutrizione, Case Western Reserve University, Cleveland, OH, USA. “Lo scopo di questo studio era di valutare l’efficacia di un programma di consulenza nutrizionale fornito da un dietista registrata all’ordine nell’ambientazione familiare di un negozio di generi alimentari”.

Questo studio ha reclutato pazienti da tre ambulatori medici di assistenza primaria che facevano parte di un centro medico accademico urbano. Hanno partecipato trenta adulti di età compresa tra 18 e 60 anni con diagnosi di ipertensione. I partecipanti allo studio hanno rappresentato una varietà demografica in relazione al sesso, alla razza, all’istruzione e all’occupazione.

I partecipanti hanno ricevuto consulenza individuale presso uno dei tre negozi di alimentari locali di due dietologi registrati, addestrati a fornire informazioni sulla modifica dello stile di vita sulla base della dieta DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension). Tre sessioni di counseling, fornite gratuitamente ai pazienti, si sono verificate nell’arco di 12 settimane. La prima visita è stata di 60 minuti seguiti da due sessioni di 30-45 minuti. A seguito di ogni sessione, un riassunto della visita e il progresso del paziente verso gli obiettivi sono stati forniti al fornitore di cure primarie da inserire nelle cartele del paziente.

La qualità della dieta è stata valutata utilizzando l’indice Healthy Eating 2010, una misura della qualità complessiva della dieta rispetto alle linee guida dietetiche per gli americani. I pazienti hanno completato un questionario sulla frequenza degli alimenti, documentando cibo e bevande consumati almeno una volta durante i tre mesi precedenti, prima di iniziare lo studio e alla fine dello stesso. Sono state anche effettuate misurazioni della pressione sanguigna.

In seguito all’educazione, le abitudini alimentari dei pazienti sono migliorate significativamente rispetto alla frutta totale, frutta intera, verdura e fagioli, cereali integrali, acidi grassi, cereali raffinati e calorie vuote. Anche il sodio, il grasso saturo, il grasso solido discrezionale e l’assunzione totale di grassi sono diminuiti significativamente. Anche l’assunzione di zucchero aggiunto è diminuita, sebbene non nella stessa misura delle altre categorie.

Anche le misurazioni della pressione arteriosa sono diminuite durante lo studio, ma a causa del numero ridotto di partecipanti le differenze non erano statisticamente significative. Inoltre, i pazienti hanno riportato un alto livello di compliance nel prendere i loro farmaci ipertensivi come prescritto durante lo studio.

“Fornire istruzione presso il negozio di generi alimentari offre una posizione comoda in base a un programma con maggiore flessibilità rispetto a un ambulatorio di assistenza primaria e rafforza i cambiamenti alimentari nell’ambiente in cui vengono prese le decisioni alimentari”, ha affermato il dott. Watowicz. “Questa strategia dovrebbe essere ricercata con altre condizioni di salute, vedi il diabete ad esempio”.