Vivo col Diabete

I vantaggi e i limiti dei progressi tecnologici nella gestione del glucosio attorno all’attività fisica nei diabetici tipo 1

* articoli come questo saranno prossimamente accessibili a pagamento per consentirci di rientrare nei costi gestionali del blog e degli eventi dallo stesso organizzati.

L’attività fisica è altamente raccomandata per i pazienti che vivono con il diabete di tipo 1(T1D) a causa dei suoi vari benefici per la salute. Tuttavia, la gestione del glucosio, durante e nelle ore successive all’esercizio fisico, rappresenta una grande sfida per questi soggetti che spesso finiscono per condurre uno stile di vita sedentario. 

Importanti progressi tecnologici nei dispositivi per la somministrazione di insulina e il monitoraggio del glucosio sono ora disponibili e continuano a progredire. Queste tecnologie potrebbero essere utilizzate per alleviare la gestione del glucosio correlata all’attività fisica in T1D. Il monitoraggio continuo della glicemia (CGM) aiuta i pazienti a osservare l’andamento delle fluttuazioni glicemiche durante l’esercizio fisico e la notte seguente per affrontare preventivamente i rischi ipoglicemici e trattare gli episodi ipoglicemici in modo tempestivo. 

Le pompe per insulina offrono la flessibilità di regolare i tassi basali di insulina e i boli in base alle esigenze specifiche del paziente intorno all’esercizio. Il pancreas artificiale collegato al CGM pompa insulina attraverso un algoritmo di dosaggio ormonale intelligente per chiudere il ciclo di controllo del glucosio e ha quindi il potenziale per alleggerire il peso dell’esercizio nel T1D. 

Un’ampia e articolata recensione che esamina e affronta la letteratura relativa alla pratica dell’attività fisica utilizzando ciascuna di queste tecnologie e pubblicata in versione integrale, curata dall’Institut de Recherches Cliniques de Montréal, Montreal, QC, Canada su Frontiers in Endocrinology del 2 febbraio 2029. L’obiettivo è quello di discutere i benefici e i limiti e infine la ricerca aggiuntiva necessaria in futuro per ottimizzare l’uso dei progressi tecnologici nel T1D.