Mangiare

La fibra di semi di lino fermenta nell’intestino per migliorare la salute, ridurre l’obesità

La ricerca sui topi suggerisce che la fermentazione delle fibre di semi di lino nell’intestino cambia il microbiota per migliorare la salute metabolica e proteggere contro l’obesità indotta dalla dieta. Lo studio, pubblicato prima della stampa sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism, è stato scelto come articolo di selezione APS per febbraio.

Gli organismi che vivono nel tratto digestivo (microbiota intestinale) svolgono un ruolo nel regolare il peso e il modo in cui il corpo elabora lo zucchero (tolleranza al glucosio). La rottura della fibra alimentare nell’intestino – un processo chiamato fermentazione – può produrre cambiamenti favorevoli nel sistema digestivo, come un aumento degli acidi grassi benefici, che possono ridurre la produzione di tessuto grasso nel corpo e migliorare la funzione immunitaria. Semi di lino sono ricchi di fibre che hanno dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo e l’infiammazione nel colon. Tuttavia, vi sono poche ricerche sulla fermentabilità dei semi di lino e su come la fibra di semi di lino influenzi il microbiota intestinale.

I ricercatori hanno studiato topi assegnati a quattro diverse diete:

una dieta standard che conteneva il 4,6 percento di fibra a base di soia (“controllo”);
una dieta ricca di grassi che non conteneva fibre (“alto contenuto di grassi”);
una dieta ricca di grassi che conteneva il 10% di fibre di cellulosa indigeribili (“cellulosa”); e
una dieta ricca di grassi che conteneva il 10% di fibre di semi di lino (“semi di lino”).
Il team di ricerca ha misurato la quantità di ossigeno utilizzata dai topi, l’anidride carbonica prodotta, il cibo e l’acqua consumati e l’energia bruciata. Anche la tolleranza al glucosio è stata misurata vicino alla fine della sperimentazione. Al termine delle 12 settimane, i ricercatori hanno esaminato il contenuto di cecale degli animali – batteri e altri materiali biologici nella sacca che forma l’inizio dell’intestino crasso (cieco).

Il gruppo ad alto contenuto di grassi aveva meno batteri associati a un miglioramento della salute metabolica, bassi livelli di acidi grassi benefici e più di un batterio legato all’obesità rispetto agli altri gruppi. I livelli di batteri in entrambi i gruppi di cellulosa e semi di lino sono tornati a livelli più sani rispetto al gruppo ad alto contenuto di grassi. Il gruppo dei semi di lino era più attivo fisicamente e aveva meno guadagno di peso rispetto all’altra dieta ricca di grassi. I topi che hanno ricevuto integratori di semi di lino avevano anche un migliore controllo del glucosio e livelli di acidi grassi benefici che erano paragonabili al gruppo di controllo sano. Nell’esaminare il contenuto di cecale, il team di ricerca ha trovato prove che i batteri presenti fermentano le fibre dallo spesso strato di colla del guscio di semi di lino. I batteri che svolgono la fermentazione producono quindi acidi grassi più benefici.

“I nostri dati suggeriscono che l’integrazione di fibre di semi di lino influisce sul metabolismo ospite aumentando il dispendio energetico e riducendo l’obesità e migliorando la tolleranza al glucosio. La ricerca futura dovrebbe essere diretta a comprendere il contributo relativo dei diversi microbi e delineare i meccanismi sottostanti per il modo in cui le fibre di semi di lino influenzano il metabolismo ospite “, hanno scritto i ricercatori.

Categorie:Mangiare

Con tag:,,,