Complicanze varie/eventuali

Conoscenza e pratica dei comportamenti di riduzione del danno per uso di alcol e altre sostanze illecite negli adolescenti con diabete di tipo 1

Approfondire gli adolescenti con diabete mellito di tipo 1 (T1DM) e capire la loro conoscenza e applicazione delle raccomandazioni sulla riduzione del danno quando praticano alcol e altre sostanze illecite. A tale proposito una indagine Indagine cross-sectional e grafico degli adolescenti con T1DM di età compresa tra 13 e 18 anni è stata compiuta dai ricercatori del Dipartimento di Pediatria, Alberta Children’s Hospital, Calgary in Canada.

Sono stati contattati centonovanta pazienti e 164 sono stati inclusi nell’analisi. L’età media era di 15,6 anni (deviazione standard [DS] = 1,5). Il 51% erano maschi. Di coloro che hanno riferito di aver consumato alcol, il 95% sapeva che avrebbero dovuto avere un amico o un genitore per controllare la glicemia nel bel mezzo della notte dopo aver bevuto, ma solo il 62% ha riferito di averlo fatto in pratica. Allo stesso modo, il 98% ha riferito di dover indossare un identificativo di allarme medico, ma solo il 79% ha riferito di averlo fatto. Tra coloro che hanno riferito di consumare cannabis, il 14% ha riportato di aver dimenticato di controllare la glicemia e il 14% ha riferito di aver scordato l’insulina quando si faceva la cannabis. Dalla revisione del grafico, una proporzione significativamente più bassa di adolescenti ha segnalato l’uso di sostanze durante le visite cliniche (alcol 26%, tabacco 19%),

Pubblicità e progresso

La conoscenza da parte degli adolescenti delle pratiche di riduzione del danno per l’uso di alcol e altre sostanze illecite non è sempre messa in pratica. Motivare gli adolescenti a utilizzare le loro conoscenze nella pratica è un’area importante per migliorare l’autogestione del diabete. Coloro che hanno riferito di essere coinvolti nell’uso di sostanze nel sondaggio non hanno sempre riportato l’uso durante le interazioni con gli operatori sanitari. Ciò sottolinea la necessità di un’educazione imparziale e universale di tutti gli adolescenti in clinica.

Report pubblicato in Pediatrics and Child Health del 28 febbraio 2019.