Terapie

In che modo l’obesità influisce sul metabolismo della vitamina D

Un nuovo studio Journal of Bone and Mineral Research conferma che la supplementazione di vitamina D è meno efficace in presenza di obesità e rivela un meccanismo biologico per spiegare questa osservazione.

Lo studio rivela che i topi obesi hanno livelli molto bassi dell’enzima nel fegato che converte la vitamina D in 25-idrossivitamina D (calcidiolo), che è la principale forma di vitamina D nel sangue. Pertanto, può essere più efficace trattare l’insufficienza di vitamina D in soggetti obesi con calcidiolo piuttosto che con altre forme di vitamina D.

“I bassi livelli circolanti di 25-idrossivitamina D sono comuni nell’obesità e sono stati attribuiti al sequestro di vitamina D nelle cellule adipose Qui proponiamo un secondo meccanismo con maggiori implicazioni biologiche: l’obesità riduce la capacità del fegato di convertire la vitamina D in 25 -idrossivitamina D “, ha detto l’autore principale Dr. Jeffrey Roizen, del Children’s Hospital di Philadelphia. “Le nostre osservazioni mostrano che questo primo passo nell’attivazione della vitamina D è influenzato dall’obesità e suggerisce che gli effetti dell’obesità sul fegato possono avere effetti sistemici clinicamente importanti sul metabolismo osseo e minerale, mentre spesso si pensa che la vitamina D sia bassa nell’obesità, questo lavoro dimostra che una malattia o patologia (come l’ obesità) può causare bassa vitamina D. “


 

Categorie:Terapie

Con tag:,