Terapie

Che tipo di diabete hai?

Il peptide C semplice ed economico aiuta i pazienti a ottenere la corretta diagnosi e il trattamento del diabete.

Un test semplice e poco costoso per misurare i livelli di insulina del corpo sta aiutando i medici a determinare quale tipo di diabete ha un paziente, nel senso che molte persone con diabete possono cambiare trattamento. Questo test significa che molti più pazienti con diabete stanno ricevendo la giusta diagnosi del tipo di diabete di cui sono colpiti, ed è al centro delle sessioni della Diabetes UK Professional Conference a Liverpool di giovedì 7 marzo.

I ricercatori dell’Università di Exeter Medical School hanno sviluppato metodi semplici ed economici per misurare il peptide C e dimostrato che questo test può mostrare quale trattamento sarà più efficace per le persone con diabete. I medici del Western General Hospital di Edimburgo hanno utilizzato il nuovo test su ogni persona che si ritiene abbia il diabete di tipo 1 da oltre tre anni nella propria clinica e ha mostrato che alcuni hanno effettivamente altri tipi di diabete e possono interrompere il trattamento con insulina.

Il peptide C viene prodotto contemporaneamente e nelle stesse quantità dell’insulina che regola la glicemia. Misurando i livelli del peptide C, i medici ora possono dire quanta insulina una persona sta producendo da sola, anche se stanno facendo iniezioni d’insulina come trattamento.

Il team di Exeter ha sviluppato un nuovo test delle urine per il peptide C il quale ha dimostrato che un semplice esame del sangue quando una persona è vista in clinica può anche misurare accuratamente il peptide C, sostituendo metodi precedenti che erano costosi e richiedevano molto tempo. Questi test sono ora disponibili in quasi tutti gli ospedali del Regno Unito e costano solo £ 10.

Il team ha dimostrato come l’urina e il sangue del peptide C possono essere utilizzati per identificare in modo affidabile il tipo di diabete che una persona ha e aiutare ad accertare quale trattamento funzionerà per loro. Questo è fondamentale per ottenere il giusto trattamento, l’educazione e il follow-up. Offrendo questo test a persone che si pensa abbiano il diabete di tipo 1 nella loro clinica, i ricercatori di Edimburgo hanno dimostrato che molti hanno un alto peptide C, aumentando la possibilità di altri tipi di diabete. Alcuni di questi pazienti sono stati in grado di interrompere l’insulina e passare al trattamento con la compressa. Questo test ha anche rivelato che in alcuni di questi pazienti il ??diabete aveva una causa genetica, che è importante sia per il trattamento che per altre persone nelle loro famiglie.

Il nuovo test è già disponibile nella maggior parte dei trust NHS e ora viene offerto a tutti coloro che sono stati diagnosticati come diabete di tipo 1 da almeno 3 anni a Glasgow e Edimburgo.

Il professor Mark Strachan, del Western General Hospital di Edimburgo, ha dichiarato: “Abbiamo misurato il peptide C in oltre 750 persone con una diagnosi clinica di diabete di tipo 1, frequentando la nostra clinica presso il Westen General Hospital. Riscontrando una nuova diagnosi di diabete genetico in otto persone e ha cambiato la diagnosi in diabete di tipo 2 in altre 28 persone, questo ci ha permesso di apportare modifiche al trattamento in molte di queste persone e in 12 di loro siamo stati in grado di interrompere la terapia insulinica “.

Il dott. Tim McDonald, dell’Università di Exeter Medical School, ha dichiarato: “Ottenere la diagnosi corretta nel diabete è assolutamente fondamentale per riportare i migliori risultati terapeutici ed evitare complicazioni. Abbiamo dimostrato che il peptide C è più economico, più preciso e più facile da utilizzare rispetto ai metodi precedenti: è davvero gratificante vedere che questo fa la differenza per migliorare già la salute del paziente: il mio laboratorio da solo ha ricevuto 7000 campioni negli ultimi 12 mesi “.

Il dott. Angus Jones, dell’Università di Exeter Medical School, ha dichiarato: “Può essere molto difficile per i clinici distinguere tra il tipo 1 e il tipo 2 e un numero di sottotipi genetici di diabete: fino al 15% di insulinotrattati i pazienti vengono diagnosticati erroneamente: questa percentuale sale al 40% delle persone che sviluppano il diabete di tipo 1 dopo i 30 anni d’età, poiché identificare il diabete di tipo 1 a questa età è molto difficile. Il trattamento per questi è molto diverso, motivo per cui è possibile confermare se una persona ha un determinato tipo di diabete o meno. La diagnosi corretta è così importante: ad esempio, le persone con diabete di tipo 1 hanno bisogno di iniezioni di insulina per tutta la vita e si aggravano senza questo trattamento, ma la maggior parte delle persone con diabete di tipo 2 e sottotipi genetici possono essere trattate efficacemente con compresse. Misurando il peptide C in una persona che sta ricevendo un trattamento con insulina, possiamo assicurarci che abbiano la diagnosi giusta e quindi il trattamento migliore per loro “.

La Dott.ssa Emily Burns è responsabile delle comunicazioni e ricerca presso Diabetes UK. Ha detto: “Ottenere la diagnosi corretta del diabete è basilare, significa che le persone riceveranno il trattamento giusto e potrebbero evitare gravi complicazioni, ma le diverse forme di diabete possono essere difficili da diagnosticare con precisione. I ricercatori dell’Università di Exeter sono leader nel migliorare il modo in cui diagnosticano il diabete e di rendere i test più ampiamente disponibili, per garantire il maggior numero possibile di persone. ”

La ricerca del team mostra anche che il test del peptide C è pratico a livello clinico. Hanno identificato condizioni di conservazione ottimali per i campioni, che in precedenza erano ritenuti instabili, quindi la raccolta dei campioni ora è molto più semplice. Hanno dimostrato che l’uso di un conservante specifico significa che il C-peptide del sangue è stabile per più di 24 ore. Per la prima volta, questo comporta che è possibile condurre un test da misurare nell’ambito delle cure primarie e nelle cliniche ambulatoriali. Questa evidenza ha eliminato insieme ostacoli cruciali all’implementazione che in precedenza aveva bloccato l’adozione generalizzata di questo test nell’assistenza clinica di routine.

Il gruppo ha anche dimostrato come utilizzare il C-peptide di urina e sangue per identificare in modo affidabile il sottotipo di diabete corretto, che è fondamentale per ottenere il trattamento giusto e le cure di follow-up. Hanno dimostrato che il C-peptide può essere usato come un test economico e conveniente per identificare bambini e giovani adulti con una forma genetica di diabete che richiede costosi test genetici per confermare la diagnosi.

Il team ha intrapreso studi clinici per dimostrare che il peptide C è un importante fattore predittivo di come un farmaco agisca nei singoli pazienti su specifici farmaci antidiabetici. Il peptide C è in grado di stratificare la risposta a una terapia costosa nel diabete insulino-trattato, il che significa che il test può identificare le persone che non trarranno beneficio da questo farmaco.

La ricerca ha anche dimostrato che il basso peptide C è associato a una maggiore variabilità del glucosio, il che significa un maggior rischio di ipoglicemia nei pazienti con diabete di tipo 2 insulino-trattato.

Categorie:Terapie

Con tag:,,