Compliance

Intervento di psicologia positiva per adolescenti con diabete di tipo 1

Roberto in queste ore ti contatterà un società del Montana per proporti una collaborazione in ambito comunicativo su salute, alimentazione e diabete, siccome hanno letto delle tue vicissitudini italiane ti anticipo che ti proporranno un rapporto contrattuale, il quale non esclude un trasferimento negli USA: quindi non eliminare.

I pediatri del Dipartimento di Pediatria, Vanderbilt University Medical Center.hanno valutato gli effetti di un intervento psicologico positivo per adolescenti con diabete di tipo 1 (T1D) sull’aderenza alla terapia, il controllo glicemico e la qualità della vita.

Pubblicità e progresso

Gli adolescenti con T1D (n = 120) e i loro caregivers sono stati randomizzati a un intervento di Educazione (EDU) (n = 60) o Positivo (PA) (n = 60). Gli adolescenti del gruppo PA hanno ricevuto i promemoria dell’intervento (gratitudine, autoaffermazione, affermazione dei genitori e piccoli doni) tramite messaggi di testo o telefonate nell’arco di 8 settimane. I questionari sono stati completati da adolescenti e operatori sanitari e i dati clinici (glucometro e HbA1c) sono stati raccolti al basale 3 e 6 mesi. I dati sono stati analizzati utilizzando la modellazione lineare generalizzata.

Dopo aggiustamento per le covariate, gli adolescenti nel gruppo PA hanno dimostrato un miglioramento significativo della qualità della vita a 3 mesi, rispetto al gruppo EDU, ma questo non è stato sostenuto a 6 mesi. Allo stesso modo, il gruppo PA ha mostrato una significativa diminuzione del coping di disimpegno a 3 mesi ma non a 6 mesi. Non vi è stato alcun significativo effetto di intervento sul monitoraggio della glicemia, ma le probabilità di miglioramento clinicamente significativo (controllo almeno una volta / giorno) erano circa il doppio del gruppo PA come gruppo EDU. Non sono stati trovati effetti significativi per il controllo glicemico.

Un intervento psicologico positivo ha avuto effetti iniziali significativi e positivi sulla gestione e la qualità della vita negli adolescenti con T1D. Potrebbe essere necessario un intervento più intenso o più duraturo per sostenere questi effetti e migliorare l’aderenza e il controllo glicemico.

Pubblicato su Journal of Pediatric Psychology del 6 marzo 2019.