Complicanze varie/eventuali

Le persone con osteoporosi dovrebbero evitare le posizioni spinali nello yoga

Secondo la ricerca della Mayo Clinic, le posture yoga che flettono la colonna vertebrale oltre i suoi limiti possono aumentare il rischio di fratture da compressione nelle persone con ossa diradate. I risultati appaiono in Mayo Clinic Proceedings.

I ricercatori della Mayo Clinic e altrove hanno descritto lesioni da yoga. Questo studio esamina le lesioni nelle persone con osteoporosi e osteopenia, condizioni caratterizzate da bassa densità ossea.

L’osteoporosi è una malattia in cui le ossa diventano più sottili e più porose per via dalla perdita di contenuto di minerali. La perdita ossea che non ha raggiunto lo stadio di una diagnosi di osteoporosi è chiamata osteopenia.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 89 persone – per lo più donne – riferite alla Mayo Clinic dal 2006 al 2018 per il dolore attribuito alla pratica dello yoga. Alcuni erano nuovi allo yoga. Altri lo hanno praticato per anni. Hanno avuto dolore alla schiena, al collo, alla spalla, all’anca, al ginocchio o una combinazione.

I pazienti hanno identificato 12 posizioni che hanno detto di aver causato o aggravato i loro sintomi. Le posture più comuni riguardavano la flessione estrema o l’estensione della colonna vertebrale. I ricercatori hanno utilizzato le cartelle cliniche dei pazienti, gli esami medici e le immagini per confermare e classificare le lesioni come lesioni dei tessuti molli, delle articolazioni o delle ossa.

I ricercatori hanno identificato 29 lesioni ossee, tra cui la degenerazione dei dischi, lo slittamento delle vertebre e le fratture da compressione. Quest’ultimo sembra essere correlato a posture che mettono ulteriore pressione sulla vertebra e sui dischi.

“Lo yoga ha molti vantaggi: migliora l’equilibrio, la flessibilità, la forza ed è una buona attività sociale”, afferma Mehrsheed Sinaki, MD, Mayo Clinic specialista in fisiatria e riabilitazione e autore senior dello studio. “Ma se hai l’osteoporosi o l’osteopenia, dovresti modificare le posture per adattarle alla tua condizione, poiché le persone invecchiano possono trarre beneficio rivedendo i loro vecchi regimi di esercizio per evitare conseguenze indesiderate”.

I pazienti che hanno incorporato raccomandazioni per modificare i loro movimenti hanno ridotto il dolore e migliorato i sintomi.

In un commento separato, Edward Laskowski, MD, co-presidente della Mayo Clinic Sports Medicine, ha invitato i fornitori, i pazienti e gli insegnanti di yoga a lavorare insieme per produrre una prescrizione personalizzata che consideri la storia medica dello studente yoga come protezione contro le lesioni e fornire benefici.

Gli autori hanno notato limitazioni allo studio. I pazienti sono stati visti in una clinica muscoloscheletrica presso un centro di cure terziarie, il che rende le generalizzazioni difficili. I ricercatori hanno ricevuto rapporti di follow-up su 22 pazienti, in quanto la maggior parte viveva fuori dallo stato.